FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Diego Armando Maradona e George Best, i due "maledetti del calcio" morti lo stesso giorno

Il campione argentino è deceduto esattamente 15 anni dopo il "Quinto Beatle". Il 25 novembre sarà dʼora in poi un giorno buio per le divinità del pallone

Tgcom24

Pelè good, Maradona better, George Best. La vecchia massima che ha fatto discutere generazioni di appassionati di calcio su chi sia stato il più grande di sempre oggi si colora di un significato in più. Avevano molto poco da spartire, Diego Armando Maradona e George Best: due "maledetti del calcio", sì, ma figli di due nazioni che negli Anni Ottanta si sono violentemente scontrate a livello internazionale e di due generazioni calcistiche diverse. Entrambi, però, sono morti lo stesso giorno, a distanza di 15 anni l'uno dall'altro.

Un'altra suggestiva assonanza è data dall'età in cui i due campioni ci hanno lasciato: Maradona è deceduto all'età di 60 anni, Best di 59. Consumati da una vita fatta di eccessi, la loro fiamma di uomini è bruciata troppo presto. Quella di artisti dello sport, però, ha disegnato fuochi d'artificio come mai si erano visti su un campo di calcio, irrompendo nell'immaginario anche di chi non li ha visti giocare di persona.

 

Diego Armando Maradona, gli scatti di una vita dedicata al calcio

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali