FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Villa Ada Incontra il Mondo, 60 concerti all'insegna de "La musica che cura"

La manifestazione giunta alla sua XXVII edizione offre in due mesi di programmazione diversi artisti internazionali tra cui Kokoroko, Sons of Kemet, Fatoumata Diawara, Bombino, Subsonica, Vasco Brondi

Musica e incontri all'insegna del dibattito culturale e della sostenibilità ambientale. E' Villa Ada Roma Incontra il Mondo, che torna per la sua XXVII edizione dal 20 giugno al 18 agosto con 60 date e due palchi per liberare nuovamente le energie dello spettacolo dal vivo. Dopo un anno di stop dovuto all’emergenza sanitaria, il titolo scelto quest'anno è "La musica che cura": la volontà di ritrovarsi  con i ritmi e i suoni che ci hanno tenuto compagnia, confortato e supportato in questo periodo di grandi incertezze.

La manifestazione prende il via il 20 giugno con la Giornata mondiale del rifugiato e della rifugiata. Sul palco l’incontro di due chitarre: quelle di Bombino, conosciuto come il “Jimi Hendrix” del deserto e Adriano Viterbini (I Hate My Village e Bud Spencer Blues Explosion). Tra i tantissimi appuntamenti il rock psichedelico della band emiliana Julie’s Haircut e Laura Agnusdei, l’eclettico e provocatorio Arto Lindsay con “Voce e Vortice”, rilettura personale della celebre Lectura Dantis di Carmelo Bene.

 

A seguire Vasco Brondi con "Paesaggio dopo la Battaglia", il primo album dopo la conclusione del progetto artistico Le Luci Della Centrale Elettrica, poi Futuro Arcaico, con Alfio Antico e Lino Capra Vaccina, precursori di un approccio aperto e sperimentale a tradizione, musica etnica e folklore musicale. Appuntamenti anche con la Stand Up Comedy e gli spettacoli di Michela Giraud e Luca Ravenna.

 

 

Saranno protagonisti on stage gli Asian Dub Foundation che sonorizzano live il cult “L'Odio”, i ritmi cubani di Grupo Compay Segundo, i Subsonica, IOSONOUNCANE con il suo nuovo monumentale "Ira", Fatoumata Diawara, tra le artiste africane più influenti e carismatiche del panorama musicale contemporaneo, i Negrita. Poi ancora il jazz militante degli inglesi Sons of Kemet con l’ultimo ed emozionante disco "Black to the future", l’omaggio di Daniele Sepe a Frank Zappa in “Direction Zappa”, Borgata Boredom Reloded che fa risuonare l’alternativa scena di Roma Est, l’afrobeat dei Kokoroko. Il 12 agosto chiude la manifestazione Moltheni, nome d’arte del cantautore Umberto Maria Giardini.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali