FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa, media: "La figlia di Michael Jackson tenta il suicidio" | Ma lei nega: "Sono menzogne"

La 21enne Paris è stata ricoverata in un ospedale di Los Angeles. Il gesto sarebbe legato agli effetti del documentario "Leaving Neverland", incentrato sulla star scomparsa nel 2009

Usa, media: "La figlia di Michael Jackson tenta il suicidio" | Ma lei nega: "Sono menzogne"

Paris Jackson, la 21enne figlia del defunto Michael Jackson, è stata ricoverata in un ospedale di Los Angeles dopo un presunto tentativo di suicidio. Le sue condizioni sono stabili. Lo riporta il sito Tmz, citando fonti della famiglia e di polizia, anche se l'interessata ha negato su Twitter. Il gesto sarebbe legato agli effetti del documentario "Leaving Neverland" in cui due uomini affermano di essere stati molestati dalla star quando erano bambini.

Sempre secondo quanto riferito da Tmz, la polizia e i soccorsi hanno ricevuto una chiamata intorno alle 7:30, proveniente dall'abitazione della ragazza a Los Angeles. Paris Jackson avrebbe tentato di uccidersi tagliandosi le vene. Aspirante attrice e modella, aveva già provato a togliersi la vita nel 2013.

I due uomini, oggi trentenni, che hanno denunciato le molestie da parte del "re del pop", morto nel 2009, sono Wade Robson e James Safechuck. Al culmine della notorietà, Jackson aveva frequentato a lungo i due, all'epoca bambini di 7 e 10 anni, e le loro famiglie. Non esistono però prove ufficiali degli abusi.

In settimana la 21enne aveva difeso pubblicamente il padre Michael dalle accuse di abusi: "Non è il mio ruolo e non c'è nulla che io possa dire che non sia già stato detto". Il docufilm Leaving Neverland ha suscitato scalpore e polemiche in tutto il mondo, al punto che il marchio Louis Vuitton ha deciso di ritirare dal mercato i pezzi della collezione uomo autunno-inverno 2019 ispirati proprio a Michael Jackson.

Presentato in anteprima al Sundance Film Festival di quest'anno, Leaving Neverland è prodotto e diretto dal regista britannico Dan Reed e si concentra sulle accuse di pedofilia nei confronti della superstar. Alcune emittenti radio in Canada e in Nuova Zelanda hanno messo al bando la musica di Jackson, mentre la serie I Simpson ha ritirato dalla distribuzione un episodio iconico del cartone animato in cui il cantante dava la voce a un personaggio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali