FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Teatro alla Scala, un "Macbeth" onirico e distopico inaugura la stagione

Presentata l'apertura in scena al Piermarini il 7 dicembre: "Raramente un'opera riesce a parlare alla contemporaneità"

Brescia e Amisano

Mentre i teatri di Austria e Germania sono costretti a chiudere per colpa del Covid, il Teatro alla Scala inaugura la stagione lirica con il "Macbeth". E dopo il galà esclusivamente televisivo dell’anno scorso causa pandemia la Prima torna in presenza con il pubblico al completo in sala. Per il settantesimo 7 dicembre scaligero andrà in scena l'opera che chiude la “trilogia giovanile” di Giuseppe Verdi voluta dal direttore musicale Riccardo Chailly, (iniziata nel 2015 con "Giovanna d’Arco" e proseguita nel 2018 con "Attila")

 

 

Con la regia di Davide Livermore, e con un "poker d’assi" di voci soliste, Anna Netrebko (Lady Macbeth), Luca Salsi (Macbeth), Ildar Abdrazakov (Banco) e Francesco Meli (Macduff), "Macbeth" racconta il dramma dell'ambizione politica ad ogni costo, del delitto e del rimorso, fatti comuni ad ogni tempo della storia dell'uomo. "Raramente un'opera riesce a parlare alla contemporaneità come fa il Macbeth", ha spiegato Livermore a proposito dell'opera che inaugura il teatro milanese per la quarta volta nella sua storia, accade una volta ogni 22-23 anni.

 

 

 Macbeth
Brescia e Amisano

 

Alla presentazione, il regista si è soffermato sul fatto che sia "un dramma universale perché sempre attuale nella storia dell'uomo. E' il racconto della catastrofe di una società non attraverso la cronaca ma attraverso un altrove, che potrebbe essere New York, come Singapore o Milano perché di fronte alla dittatura gli esseri umani sono tutti nella stessa barca". "Il contemporaneo che metteremo in scena è un incubo, una realtà onirica distopica in cui la nostra contemporaneità si autogenera in un modo diverso. Raccontiamo l’orrore attraverso un altrove molto vicino", facendo riferimento al film "Inception" di Christopher Nolan.

 

La produzione si avvale di riferimenti e "inquadrature" cinematografiche, della coreografia di Daniel Ezralow (al suo debutto alla Scala), le immagini di D-Wok, i costumi di Gianluca Falaschi, e le scene (digitali e non) di Giò Forma che Chailly ha definito "iperboliche". Per allestire la decima opera di Verdi, tratta dalla tragedia di William Shakespeare, viene abbandonato quindi il filtro della rappresentazione in costume, e si offre una città Novecentesca che richiama tanto le architetture di Frank Lloyd Wright quanto quelle di Piero Portaluppi.

 

PRIMA DIFFUSA - Giunge alla decima edizione Prima Diffusa, il vero e proprio festival con cui il Comune di Milano insieme a Edison e alla Rai accompagna Milano nella settimana precedente la Prima della Scala con oltre 80 iniziative tra concerti, performance, reading, incontri e conferenze, mostre e rassegne dedicati all’opera, coinvolgendo più di 40 luoghi della cultura milanese e spazi cittadini simbolici presenti in tutti i 9 Municipi. Un coinvolgimento di tutta la comunità che cresce fino al 7 dicembre, giorno in cui la Prima va in scena sul palcoscenico del Teatro alla Scala e sarà trasmessa in diretta in 34 spazi dei nove municipi e anche nell’area metropolitana. In questi dieci anni Prima Diffusa è cresciuta sempre di più, coinvolgendo oltre 200.000 spettatori, 80 spazi cittadini con più di 200 eventi. In questa decima edizione saranno disponibili diecimila posti nelle 34 sale di proiezione, mille in più rispetto alla scorsa edizione (2019).

 

TI POTREBBE INTERESSARE:

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali