FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pif torna al cinema in "Momenti di trascurabile felicità": 92 minuti per cercare il senso della vita

Il film, tratto dai libri di Francesco Piccolo, con la regia di Daniele Luchetti, al cinema dal 14 marzo. Guarda la clip in esclusiva

E' possibile riequilibrare i conti con il proprio passato? Congedarsi dalla vita senza rimpianti? E' ciò che tenterà di fare Pif nei 92 minuti che gli verranno concessi in un ipotetico Aldilà, nel film "Momenti di trascurabile felicità", di cui è protagonista e che è tratto dai libri di Francesco Piccolo. Diretta da Daniele Luchetti la pellicola sarà al cinema dal 14 marzo. Guarda la clip in esclusiva per Tgcom24.

Paolo, interpretato da Pif, all'anagrafe Pierfrancesco Diliberti, è un ingegnere piuttosto egocentrico e autoreferenziale che vive con sua moglie (Thony, nome d'arte di Federica Caiozzo, l'attrice e cantante palermitana rivelata dal film "Tutti i santi giorni" di Paolo Virzì) e due figli nella sua Palermo e che, in seguito ad un'ennesima bravata pericolosa alla guida del suo scooter, perde la vita ad un incrocio in uno stupido incidente stradale. Una volta arrivato in Paradiso dovrà affrontare, come tanti altri recenti trapassati, la burocrazia celeste in una sorta di ufficio postale in stile anni ‘30, dove un funzionario del Paradiso (Renato Carpentieri) si accorge di un conteggio sbagliato del tempo a sua disposizione e per questo motivo, seguendone i passi come un angelo custode, lo rispedisce sulla Terra per un'ora e 32 minuti con il compito di cercare di riequilibrare i conti col proprio passato e con tutto quello che aveva perduto. Paolo però non vede traccia di grandi avvenimenti o interrogativi sull'esistenza o di cose importanti che sta lasciando e non si dà pace....

Tratto da "Momenti di trascurabile felicità" e "Momenti di trascurabile infelicità" due libricini di Francesco Piccolo, vincitore del Premio Strega 2014, in cui l’autore annota situazioni e occasioni quotidiane in cui ci si sente felici o infelici, ma che sono talmente connaturati alla vita, che spesso vengono trascurati, il film di Daniele Lucchetti è una sorta di commedia surreale "pervasa", come spiega lo stesso regista "da un sentimento di malinconica allegrezza. Un rituale per esorcizzare la paura di andar via, per trarre un bilancio degli affetti e delle inconsapevolezze, per capire se la leggerezza del riso può dire della nostra vita cose piccole ma importanti".

"Momenti di trascurabile felicità", ecco alcune scene del film con Pif

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE