FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Robbie Williams attacca la Sardegna: "Bella ma troppo cara... anche per me!"

Lʼintervista dellʼex Take That fa discutere: "Quindi il concerto in Costa Smeralda, pagato a suon di milioni, era un lavoretto stagionale per pagarsi la vacanza?"

"Che strano che avete in Italia un posto di mare dove gli italiani vanno poco perché è diventato troppo caro, la Sardegna... E' cara anche per me". A pronunciare la frase provocatoria è stato Robbie Williams in un'intervista per Tim Radio. L'artista britannico era in Italia nei giorni scorsi per partecipare alla finale di "X Factor e per presentare il suo ultimo album, dedicato interamente al Natale "The Christmas Present" 

 

Dallo spirito natalizio l'ex Take That non si è lasciato contagiare e alla Sardegna, durante un'intervista, ha rifilato una bell'attacco velenoso. Eppure, fa notare qualcuno in Rete, nel 2015 il cantante si esibì in un live nell'esclusiva Cala di Volpe. "Quindi il concerto in Costa Smeralda, pagato a suon di milioni, era un lavoretto stagionale per pagarsi la vacanza?", ha scritto un utente su Twitter. Dopo quella performance davvero impagabile - 2.500 euro a biglietto per 800 spettatori - Robbie Williams tornò in Sardegna dove fu paparazzato nel 2017 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali