FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Rihanna in incognito marcia a New York per gli asiatici

La cantante ha sfilato per la città con un cartellone antirazzista

Negli ultimi tempi gli Stati Uniti stanno facendo i conti con una nuova ondata antirazzista, nei confronti delle persone asiatiche. Rihanna non è stata a guardare ed è scesa in strada (in incognito) a New York per prendere parte alla Stop Asian Hate March. A documentare l'impresa su Instagram la sua assistente Tina Truong, anche lei di origine orientale. 

Tgcom24

Non è la prima volta che Riri si schiera per i diritti delle minoranze e delle fasce più deboli. Dopo aver difeso via social i diritti degli agricoltori indiani, qualche giorno fa ha attraversato la Grande Mela ballando e con un cartellone in difesa della comunità asiatica americana. Da un lato campeggiava la scritta "Odio = Razzismo contro Dio", mentre dall'altro l'hashtag della manifestazione #StopAsianHate.

 

A documentare la giornata l'assistente Tina, che ha poi pubblicato sui social alcuni scatti dell'evento. Nonostante gli occhialoni, il cappello e la mascherina, Rihanna non è passata inosservata e più di un partecipante del corteo si è domandato se ci fosse proprio la popstar sotto il "travestimento".

 

Per Rihanna è già primavera, anzi estate: guarda gli scatti hot in bikini

Ti potrebbe interessare:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali