FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pino Daniele, la famiglia a tre anni dalla morte: "Poteva essere salvato"

Il pool di esperti incaricato di esaminare il caso rivela che il maxiritardo dellʼintervento medico dopo lʼocclusione del bypass potrebbe essere stato fatale

Pino Daniele poteva essere salvato, secondo la famiglia del cantante. Quelle quattro ore di attesa prima di un intervento dei medici dopo l'occlusione del bypass sarebbero state fatali. A tre anni dalla morte del cantautore, spuntano nuovi particolari che gettano nuove ombre sul decesso dell'artista.

La perizia medico-legale disposta dal Tribunale di Roma per chiarire le cause della morte ha accertato, rivela il settimanale "Giallo", che a provocare il decesso fu "lo shock cardiogeno in soggetto affetto da cardiomiopatia dilatativa post-ischemica, coronaropatico e sottoposto a intervento di by-pass aortocoronarico, iperteso".

Il pool di esperti che ha esaminato il caso sottolinea che "la decisione di Pino Daniele di volersi far trasportare a Roma" non fu "scevra di rischi". E i medici precisano: "La scelta di ricorrere alle cure dell'ospedale Sant'Eugenio in Roma ha privato il Daniele della possibilità di giovarsi di opportunità terapeutiche in modo tempestivo (considerando una latenza temporale di circa un'ora in merito all'effettività di inizio terapia)". Ecco dunque la richiesta di chiarezza della consulente della seconda moglie Fabiola Sciabbarrasi, Luisa Regimenti.

A peggiorare il quadro il trasporto in auto, con il cantautore seduto anziché sdraiato. Tale condizione avrebbe provocato un accumulo di sangue nelle "zone declivi" del corpo e questo avrebbe determinato un'ulteriore diminuzione della distribuzione del sangue agli organi disposti più in alto, in particolare cuore e cervello. Il pm ritiene dunque che, senza quel trasferimento, tutto si sarebbe risolto. E adesso il caso si riapre, con i familiari che chiedono di fare piena luce sulla vicenda.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali