FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Lassie torna a casa" a quasi 80 anni dalla prima apparizione: al cinema la nuova versione

Il famoso collie protagonista in sala dal 13 giugno con una storia ambientata in Germania, sempre tratta dal romanzo di Eric Knight

Un vero e proprio mito del passato torna dopo quasi ottant'anni dalla prima apparizione al cinema. Lassie è il cane più famoso del grande e piccolo schermo con anche la sua stella sulla Walk of Fame a Hollywood. Dal 10 giugno in sala approda "Lassie torna a casa", una nuova versione della storia, aggiornata e trasferita in Germania, ma sempre tratta dallo stesso il romanzo del 1940 di Eric Knight. Tgcom24 vi offre una clip esclusiva.

Il film americano del 1943 "Torna a casa, Lassie!" era diretto dall'esordiente Fred McLeod Wilcox, e si svolgeva in Inghilterra, mentre quello di oggi a firma di Hanno Olderdissen, ha un'anima europea ed è ambientato in Germania.

 

La storia vede Lassie alle prese con un lungo viaggio per ritrovare l'amato padroncino Florian (Nico Marischka), che è stato costretto ad abbandonarla quando il padre, rimasto senza lavoro, si è dovuto trasferire insieme a tutta la famiglia in un'abitazione più piccola. Il cane viene così affidato temporaneamente al Conte Graf von Sprengel (Matthias Habich), in partenza per il Mare del Nord insieme alla sua nipotina Priscilla (Bella Bading). In casa del conte, Lessie subirà però angherie da parte del custode Hinz (Christoph Letkowski) che la costringerà a fuggire per mettersi alla ricerca del suo padroncino, in un incredibile viaggio attraverso la Germania.

 

"Torna a Casa Lassie!" fu un enorme successo di pubblico negli Stati Uniti dilaniati dalla guerra, e fu seguito da altri cinque film su Lassie fino al 1951: "Il Figlio di Lassie" (1945), "Il Coraggio di Lassie" (1946), "Casa Mia" (1948), "Primavera di Sole" (1949), "Il Ritorno di Lassie" (1949) e "L’Oro delle Montagne" (1951) con storie molto diverse rispetto al romanzo originale. Poi arrivò la longeva serie televisiva "Lassie", ambientata principalmente negli Stati Uniti ed esportata in tutto il mondo dal 1954 al 1973. Ci sono state poi due serie animate (1973-1975 e 2015) e altre due serie live-action (1989-1991 e 1997-1999). La femmina di collie è poi tornata sul grande schermo con i film "La più bella avventura di Lassie" (1978), "Lassie" (1994) e "Lassie" (2005). 

 

Pal, il primo cane a interpretare Lassie nel 1943, recitò anche nei primi due episodi della serie tv del 1954, prima di ritirarsi dalle scene e poi morire nel 1958. Per il nuovo film c’è stata una lunga ricerca a livello internazionale, ma poi per fortuna la cosa è finita nelle mani di Renate Hiltl, proprietaria del Ranch Animali per il Cinema in Alta Baviera. "Sono diventata addestratrice di animali per il cinema proprio perchè avevo visto il film Lassie da bambina", ha spiegato. Così, un anno e mezzo prima delle riprese, la donna aveva già trovato come candidati tre giovani collie tra Europa e Stati Uniti. E tutti con la tipica macchia bianca sul muso che corrisponde esattamente all'idea di Lassie.

 

Durante l'addestramento con i tre cani, i cui nomi sono Bandit, Bailey e Buddy, è apparso subito chiaro che Bandit sarebbe diventato il cane principale del film. "Per lavorare nel cinema un cane deve avere alcune caratteristiche precise: deve piacergli stare al centro dell'attenzione, dev’essere facilmente motivabile e deve piacergli lavorare con molte persone intorno. Non è facile trovare tutte queste caratteristiche in un pastore tedesco", spiega Renate Hiltl.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali