FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

La Russia rinuncia agli Oscar 2023, non candiderà nessun film

La Russian Film Academy ha annunciato che non presenterà nessun lungometraggio

IPA

Mentre l'Italia ha da poco scelto di schierare "Nostalgia" di Martone agli Oscar 2023, nella categoria miglior film straniero, la Russia ha annunciato che non candiderà nessun film agli Academy che si terranno il 12 marzo 2023.

L'agenzia russa Tass riporta infatti che "il presidio della Russian Film Academy ha deciso di non indicare nessun film russo per la designazione agli Academy Awards 2022 per il film internazionale".

Dalla Russia all'Iss per il "ciak, si gira": al via le riprese del primo film realizzato in orbita

L'attrice Yulia Peresild e il regista Klim Shipenko sono partiti per la stazione spaziale internazionale dove resteranno per dodici giorni. Qui registreranno alcune delle scene del film "The Challenge", di cui si sa ancora poco. Nella nuova pellicola avrà un ruolo anche l'astronauta russo Oleg Novitskiy, che interpreterà un cosmonauta bisognoso di cure mediche. 

Leggi Tutto Leggi Meno

 

Una fonte ha rivelato all'agenzia russa che la lista dei film candidabili agli Oscar includeva ben 122 opere. Tutte, però, hanno perso in partenza la possibilità di stringere l'ambita statuetta a causa della situazione geopolitica attuale.

 

Nel corso della storia la Russia è riuscita a portare in patria l'Oscar come miglior film straniero per tre volte, due durante la Guerra Fredda e una dopo la caduta del muro. Nel 1968 Sergey Bondarchuk vinse infatti il riconoscimento grazie al colossale adattamento in quattro parti del classico di Tolstoy "Guerra e Pace". La produzione monstre, che durò 1961 e 1967, ebbe il supporto delle autorità sovietiche e dell'Armata Rossa che mise a disposizione della troupe centinaia di cavalli e soldati. Con un budget di circa 9,2 milioni di dollari, divenne il film più costoso di sempre prodotto in Russia.

 

Nel 1981 fu il dramma romantico "Mosca non crede alle lacrime" a conquistare gi americani. Il film, diretto da Vladimir Menshov e interpretato dalla coppia formata da Vera Alentova e Aleksey Batalov, segue le vicende di una giovane donna russa sfortunata in amore che però riesce a risollevarsi grazie alla sua tenacia. Tredici anni dopo la statuetta riattraversò l'Atlantico grazie a "Sole ingannatore" di Nikita Michalkov, uno spy-movie che ancora una volta fa i conti con la storia e la società russa. Il film è infatti ambientato negli anni Trenta, poco prima delle grandi purghe staliniane, quando milioni di persone nell'Unione Sovietica venivano etichettate come "nemici del popolo".

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali