FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Keith Flint, potrebbe non essere stato suicidio

Il coroner che ha condotto lʼinchiesta sulla morte del frontman dei Prodigy: "Non ho abbastanza elementi per certificarlo"

Keith Flint, potrebbe non essere stato suicidio

Keith Flint è stato trovato morto nella sua abitazione dell’Essex lo scorso 4 marzo. La causa del decesso è stata individuata nell'asfissia che il cantante dei Prodigy si è procurato. La coroner Caroline Beasley-Murray, che ha condotto le indagini, ha dichiarato "Non credo ci siano sufficienti prove per affermare che sia stato un suicidio", spiegando che il gesto commesso potrebbe essere dipeso dallo stato alterato dell'artista date le tracce di cocaina, codeina e alcol trovate nel sangue.

Il coroner ha quindi deciso di "lasciare un verdetto aperto" per le indagini sulla morte di Keith Flint. "Non sapremo mai cosa stesse succedendo nella sua mente", ha dichiarato.

E ha spiegato: "Per registrare (il suicidio), avrei dovuto scoprire che, sulla bilancia delle probabilità, il signor Flint aveva concepito l'idea e intrapreso un'azione deliberata sapendo che sarebbe sfociata nella sua morte". Caroline Beasley-Murray ha anche detto di aver trovato prove insufficienti per concludere che la morte di Flint sia stata un incidente, potrebbe aver "fatto qualche cavolata che è andata a finire parecchio male".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali