FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il viaggio di Beatrice Venezi nell'arte di Puccini: "Io sul podio salgo con i tacchi e un vestito da principessa"

Esce "My Journey - Pucciniʼs Symphonic Works", il primo album della più giovane donna direttore dʼorchestra

Esce venerdì 18 ottobre “My Journey - Puccini’s Symphonic Works”, il primo album del Maestro Beatrice Venezi realizzato con l’Orchestra della Toscana. Ventinove anni, di Lucca, è tra le poche donne al mondo a dirigere orchestre a livello internazionale. Innovativa, paladina di femminilità e di italianità, nel 2018 è stata inserita da "Forbes" nell’elenco dei 100 giovani Under 30 leader del futuro.  

 

Carlos Kleiber e Leonard Bernstein sono i suoi modelli, ma è Puccini il suo spirito guida, e non solo come compositore, ma anche come grande innovatore e primo "influencer" della storia. Il primo album del direttore principale della Nuova Scarlatti di Napoli e dell'Orchestra Sinfonica Milano Classica è un omaggio al grande compositore di Lucca, città di cui anch'essa è originaria.

 

 beatrice venezi 2019

 

Più che l'album, il maestro Venezi ha presentato e promosso se stessa, e il suo tentativo di rompere i clichè che vogliono il podio luogo maschile, e anche un direttore donna ingessato in austeri abiti "con le code". "Ma io ci salgo coi tacchi e un vestito sognante da principessa, perché cosi' mi sento. A Tokyo mi chiesero di indossare il tight, mi rifiutai, la vinsi". Come la sua richiesta di essere indicata come 'direttore' e non 'direttrice o direttora', "perché - sostiene - sottolineare il genere femminile è sempre ghettizzante. E l'orchestra è uno strumento difficile, a volte spietato ma sempre meritocratico: il direttore viene giudicato continuamente, fin da come entra e cammina verso il podio".

 

 beatrice venezi 2019

 

Sente come missione divulgare la musica classica fra i giovani anche perché "l'educazione musicale in Italia e' imbarazzante". Ma vuole essere innovativa anche musicalmente: "Il direttore - dice - non puo' modificare nemmeno una nota di quelle scritte in partitura, il rispetto del testo e' assoluto. Pero' la sua visione del brano puo' restituire a quel testo una luce nuova. Ho lavorato sui dettagli che fanno la differenza tra una interpretazione e l'altra: l'equilibrio fra le sezioni dell' orchestra, la velocità di esecuzione, la tensione fra i vari elementi". Il disco - spiega - si apre con lo 'Scherzo per orchestra', il cui Trio è stato ricostruito dal Centro Studio Puccini di Lucca e mai inciso finora in questa forma; poi c'e' l'intermezzo tra il 2/o e il 3/o atto (il 'viaggio' per le Americhe) da Manon Lescaut; infine il mio cavallo di battaglia: la 'Tregenda' da Le Villi, che sempre porto in giro. Dalla Bielorussia al Portogallo, dal Libano al Canada, respiro ovunque un grandissimo amore per l'Italia e il nostro patrimonio artistico".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali