FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Addio a Ennio Morricone, è morto il grande compositore delle più belle colonne sonore del cinema

Nella sua lunga carriera ha vinto due Oscar, tre Grammy Awards, quattro Golden Globes, sei Bafta, dieci David di Donatello, undici Nastri dʼargento, due European Film Awards e un Leone dʼOro alla carriera

Addio a Ennio Morricone. Il compositore e direttore di orchestra è morto a 91 anni in una clinica romana per le conseguenze di una caduta. Con lui se ne va un pezzo della storia della musica per il cinema. La sua fama è esplosa grazie al sodalizio artistico con Sergio Leone ed è proseguita con grandi collaborazioni: da Bertolucci a Carpenter. Ha vinto due premi Oscar (2007 e 2016). Ha scelto di avere funerali in forma privata "per non disturbare".

 

LEGGI ANCHE >

Coronavirus, Ennio Morricone contro i flashmob sui balconi: "Inopportuni"

 

Figlio di trombettista e diplomato al Conservatorio di Santa Cecilia nella stessa materia e in direzione d'orchestra, Morricone siedeva da tempo nel ristretto pantheon dei più grandi musicisti da cinema di sempre come conferma la miriade di premi (tra cui perfino l'intestazione di un asteroide) che scandiscono la sua carriera . La sua musica ha da sempre un impatto trasversale che contagia le più diverse generazioni e gli ha assicurato fama oltre il cinema con più di 70 milioni di dischi venduti.

 

Addio al maestro Ennio Morricone

 

Il chitarrista degli U2 The Edge dichiara da sempre di considerarlo il suo musicista di riferimento, gruppi come i Metallica o i Ramones aprono i propri concerti con un omaggio a lui, Quentin Tarantino ha saccheggiato le sue melodie ben due volte ("Kill Bill" e "Bastardi senza gloria") rendendogli pubblico omaggio fino  convincerlo a firmare una colonna sonora originale per "The Hateful 8" con cui il musicista ha vinto il suo primo Oscar dopo ben cinque nomination.

 

Le sue musiche sono state usate in più di 60 film vincitori di premi. Come giovane arrangiatore ha contribuito a formare il sound degli anni sessanta italiani, confezionando brani come "Sapore di sale", "Se telefonando", e i successi di Edoardo Vianello.

 

 

Dal 1946 a oggi ha composto più di 100 brani classici, ma ciò che ha dato la fama mondiale a Morricone come compositore, sono state le musiche prodotte per il genere del western all'italiana, che lo hanno portato a collaborare con registi come Sergio Leone, Duccio Tessari e Sergio Corbucci, con titoli come la Trilogia del dollaro, Una pistola per Ringo, La resa dei conti, Il grande silenzio, Il mercenario, Il mio nome è Nessuno e la Trilogia del tempo.

 

Da Sergio Leone a Tarantino, le colonne sonore di Morricone entrate nel mito

 

Dagli anni settanta Morricone diventa un nome di rilievo anche nel cinema hollywoodiano, componendo musiche per registi americani come John Carpenter, Brian De Palma, Barry Levinson, Mike Nichols, Oliver Stone e Quentin Tarantino. Morricone ha scritto le musiche per numerose pellicole nominate all'Academy Award come I giorni del cielo, Mission e The Untouchables - Gli intoccabili.

 

 

Nel 2007 Morricone ha ricevuto il premio Oscar onorario alla carriera "per i suoi contributi magnifici all'arte della musica da film" dopo essere stato nominato per 5 volte tra il 1979 e il 2001 senza aver mai ricevuto il premio. Il 28 febbraio 2016 ottiene il suo secondo Oscar per le partiture del film di Quentin Tarantino, "The Hateful Eight", per la quale si è aggiudicato anche il Golden Globe. 

 

Morricone ha vinto anche tre Grammy Awards, quattro Golden Globes, sei Bafta, dieci David di Donatello, undici Nastri d'argento, due European Film Awards, un Leone d'Oro alla carriera e un Polar Music Prize. Ha venduto inoltre più di 70 milioni di dischi.

 

 

 

Il 26 febbraio 2016 gli è stata attribuita la stella numero 2574 nella celebre Hollywood Walk of Fame. Il 27 dicembre 2017 ha ricevuto l'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana, il secondo grado in ordine d'importanza.

 

Addio a Ennio Morricone, le sue frasi celebri

 

FUNERALI IN FORMA PRIVATA - I funerali di Morricone si terranno in forma privata "nel rispetto del sentimento di umiltà che ha sempre ispirato  gli atti della sua esistenza". Lo annuncia la famiglia del premio Oscar attraverso l'amico e legale  Giorgio Assumma. Morricone, si legge nella nota, si è spento "all'alba del 6
luglio in Roma con il conforto della fede", Assumma. aggiunge che il maestro "ha conservato sino all'ultimo piena lucidità e grande dignità. ha salutato l'amata moglie Maria che lo ha accompagnato con dedizione in ogni istante  della sua vita umana e professionale  e gli è stato accanto fino all'estremo respiro ha ringraziato i figli e i nipoti per l'amore e la cura  che gli hanno donato. ha dedicato un commosso ricordo  al suo pubblico dal cui affettuoso sostegno ha sempre tratto  la forza della propria creatività".

 

Dal "New York Times" a "El Pais", i siti più importanti del mondo celebrano Ennio Morricone

 

IL SINDACO RAGGI: "GLI INTITOLEREMO L'AUDITORIUM" - "@M5SRoma per intitolare l'intero Auditorium Parco della Musica al maestro Ennio Morricone.  Vogliamo ricordare un genio che ha dato tanto a Roma e all'Italia, legando il suo nome a un luogo simbolo internazionale della cultura e dell'arte". Così il sindaco di Roma Virginia Raggi, in un tweet, lancia la proposta di intitolare l'Auditorium di Roma a Ennio Morricone. 

 

TI POTREBBE INTERESSARE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali