FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Da Raphael Gualazzi a Davide Shorty, la settima edizione di Urbino Plays Jazz

Raphael Gualazzi, Serena Brancale, Davide Shorty, Ainè, Stefano Bedetti, Rita Marcotulli, Carmine Ioanna saranno alcuni dei protagonisti

Nu soul, fusion, hip hop, world music, jazz, noir questi saranno gli ingredienti della VII edizione di Urbino Plays Jazz. La manifestazione realizzata grazie al contributo e al sostegno della Città di Urbino, sotto la direzione artistica dell’Associazione Urbino Jazz Club avrà vita anche quest’anno in piazza Rinascimento, e farà tappa anche a Sant’Angelo in Vado.

Il 19 giugno si partirà con Davide Shorty, Serena Brancale ed Ainè per la seconda edizione di Italian Soul Summit. I tre artisti si incontrano di nuovo proponendo un live che ha già vissuto palchi importanti come il Teatro Petruzzelli o il Locus Festival.  Il giorno seguente il festival farà tappa a Sant’Angelo in Vado con Carmine Ioanna Music Company, in piazza Umberto I. Ioanna, impegnato ormai da anni con il Cirque du Soleil, ritorna sul palco con il suo ultimo progetto, appena uscito. 


Dal 7 agosto si riaprirà la classica “Tre giorni” del festival dedicata al jazz con un padrino d’eccezione, l’urbinate Raphael Gualazzi con il suo trio. L'artista sarà inoltre nominato Presidente Onorario dell'Associazione Urbino Jazz Club che ha fondato il festival Urbino Plays Jazz e il Jazz Club, e verso la quale, sin dal primo anno di fondazione, Gualazzi ha dimostrato interesse, sostenendola e rendendosi disponibile.

 

 

Dopo di lui l’8 agosto si esibiranno in duo il sax tenore Stefano Bedetti e il pianista Fabrizio Puglisi. I due omaggeranno la musica dei grandi Maestri dell’era del jazz, partendo dalle radici del bebop fino ad arrivare alle composizioni più moderne ed estemporanee. Da Charlie Parker a John Coltrane, da Miles Davis a Joe Henderson e Thelonious Monk, da Cole Porter ad Antonio Carlos Jobim, i quali, rappresentano ancora oggi un punto di riferimento per tutti i musicisti e amanti della musica jazz e non solo. Durante la giornata sarà prevista una jam session in collaborazione con Rimini Jazz Club presso il cortile esterno di Urbino Jazz Club (Palazzo Bonaventura Odasi).

 

Una tappa del programma di Terre Sonore, organizzato in collaborazione con Fano Jazz Network, concluderà il cartellone dei concerti in Piazza Rinascimento, e lo farà con una madrina e icona del jazz italiano, Rita Marcotulli in piano solo. L’artista romana ci racconterà con le sue note un viaggio immaginario, che prende ispirazione dalla vita di tutti i giorni, dalla natura, dalle esperienze, dalla musica dei diversi colori del mondo. Eseguirà composizioni originali, ma anche suggerite dalle emozioni del momento con una buona parte di improvvisazione. Omaggi anche al cinema, e ad autori popolari italiani come Modugno e Pino Daniele.

 

Ultimo appuntamento in cartellone, il 20 agosto, sarà una collaborazione fra Università di Urbino Carlo Bo, Assocazione Urbinoir e Urbino Jazz Club. L’incontro intitolato “Note Noir” proporrà una carrellata di interviste agli autori di libri del genere noir e si concluderà con la premiazione del concorso Haiku Noir 2020. Le interviste saranno intervallate da momenti musicali curati dall’Associazione Culturale Urbino Jazz Club. L’incontro si svolgerà nel cortile interno della Casa della Poesia, in via Valerio.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali