FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Beyoncé dopo il Louvre vuole il Colosseo: chiesto per un nuovo video

Si tratta su data e prezzo ma la prima richiesta è già stata respinta

Per Beyoncé non ci sono luoghi tabù. Dopo aver ambientato l'ultimo video con Jay-Z, "Apeshit", tra le sale del Louvre, Queen Bey ora vuole il Colosseo. A riportare la notizia è "Il Messaggero", secondo il quale la trattativa è in corso, anzi sarebbe ripartita dopo un primo rifiuto da parte dei dirigenti del Parco Archeolgico: nessuna chiusura ma molta cautela in quanto si tratta di "un luogo delicato".

D'altro canto per Beyoncé non sarebbe nemmeno la prima volta. In realtà nell'Anfiteatro Flavio aveva già girato in versione gladiatrice uno spot per una nota bibita. Si trattava di un clip per il Super Bowl, girato insieme a Pink e Britney Spears. In questo caso il progetto sarebbe di tipo diverso.

Secondo il quotidiano romano una prima richiesta è stata avanzata il 2 luglio per poter girare tra il 7 e l'8, in coincidenza con la data romana del tour della super coppia. Tempi troppo stretti per ricevere subito un sì, tanto più che negli stessi giorni il Colosseo era occupato da un altro set, per una trasmissione di Alberto Angela. Ma i Carter non hanno intenzione di lasciar cadere la cosa e hanno rilanciato. Si arriverà a un accordo? Se sì, lo vedremo presto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali