FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Asia Argento accusa un nuovo "orco", il regista Rob Cohen: "Mi ha drogata e poi stuprata"

Lʼattrice si racconta in una lunga intervista a Silvia Toffanin a "Verissimo", in cui svela anche di aver subito violenze dalla madre

Asia Argento torna alla carica con una nuova denuncia di stupro. Dopo aver accusato Harvey Weinstein l'attrice e regista punta il dito su un altro personaggio di Hollywood, il regista Rob Cohen. "Successe nel 2002 mentre giravamo xXx. Abusò di me facendomi bere il Ghb (la droga degli stupri, ndr), ne aveva una bottiglia. Ai tempi sinceramente non sapevo cosa fosse", racconta Asia in una lunga intervista a "Verissimo", nella quale svela anche di aver subito violenze dalla madre.

Asia Argento accusa Rob Cohen di stupro

 

Ospite di Silvia Toffanin l'Argento si è lasciata andare raccontando episodi difficili del proprio passato, come appunto la violenza subita da Cohen. "Non l’ho denunciato perché non avevo capito cosa fosse successo. L’ho scoperto dopo parlando con un mio amico che mi ha aperto gli occhi su quella sostanza - dice Asia anticipando alcuni dei contenuti shock del suo libro autobiografico "Anatomia di un cuore selvaggio", di prossima uscita: "Non so che cosa porti un uomo a voler andare a letto sostanzialmente con un cadavere. Non volevo raccontarlo per non alzare un nuovo polverone, però altre due donne hanno parlato contro di lui, tra cui sua figlia, e allora l’ho fatto”.

 

 

Un'altra accusa esplica e diretta quindi dopo quella a Weinstein, l'altro orco della sua vita, condannato a 23 anni di carcere: “Penso che se lo meriti. Non l’ho perdonato perché non si può perdonare una persona che ha fatto quelle cose a così tante donne - afferma -. Penso che sia nel posto dove merita di stare”.

 

Addio a Daria Nicolodi: protagonista di "Profondo rosso", era la mamma di Asia Argento

 

E tra i capitoli più drammatici della sua vita Asia racconta anche del difficile rapporto con la madre Daria Nicolodi, scomparsa da poco e delle violenze subite: "Ho iniziato a scrivere questo libro prima di perdere mia madre. Rivelare questo segreto delle violenze ricevute da parte sua spero possa servire agli altri per capire perché in alcuni momenti della mia vita ho reagito in modo aggressivo - racconta alla Toffanin -. Non so perché mia madre mi abbia fatto quelle cose quando ero piccola. Era giovane, con tre figlie, aveva una relazione travagliata con mio padre e si è sfogata su di me. Diceva che ero quella più forte e che quindi potevo prendermi le botte o essere cacciata di casa a nove anni, nel cuore della notte, tanto ce l’avrei fatta".

 

asia argento verissimo stupro 2021
Ufficio Stampa Mediaset


 

 

Asia però spiega di aver perdonato la madre. "Ai miei figli lei ha dato tutto quello che non aveva dato a me. È stata una nonna straordinaria e quindi le ho perdonato tutto - racconta -. Ho dovuto raccontare nel libro le violenze per far capire quello che sono diventata. È stato fondamentale dare a questo rapporto una conclusione positiva, quando l’ho vista l’ultima volta l’ho ringraziata per tutto quello che aveva fatto per me. Non esiste un dolore così, perdere il punto di riferimento più grande dopo un rapporto così contrastato è stato ancora più doloroso. Ma ora che si è chiuso il cerchio posso iniziare a vivere veramente". 

 

 

asia argento verissimo stupro 2021
Ufficio Stampa Mediaset

 

A Silvia Toffanin, l’attrice racconta anche un altro periodo buio, vissuto in seguito alla scomparsa di sua sorella Anna: “Era una ragazza che aveva sofferto tanto e io soffrivo per lei. Vedermela strappata via da un incidente stradale è stato inimmaginabile. Quando è successo sono caduta in una forte depressione, sono stata sei mesi a letto e ho anche fatto uso di molte sostanze stupefacenti, soprattutto ai rave party dove giravano droghe fortissime. Molte persone che conosco hanno subito gravi conseguenze cerebrali permanenti e forse anch’io qualche danno l’ho subito. In quel caso mi ha salvato il cinema”.

 

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali