FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Addio a Iaia Fiastri, con le sue commedie ha segnato il teatro musicale italiano

La sceneggiatrice e commediografa ha firmato opere come "Aggiungi un posto a tavola" e "Alleluja brava gente"

Addio a Iaia Fiastri, con le sue commedie ha segnato il teatro musicale italiano

E' morta venerdì nella sua casa di Roma, dopo una lunga malattia, la commediografa e sceneggiatrice Iaia Fiastri. Aveva 84 anni. Nata a Roma nel 1934, ha iniziato la sua carriera scrivendo per il cinema, ma è soprattutto nel teatro che ha lasciato il segno, nel trentennale sodalizio con Garinei e Giovannini, con cui ha firmato alcune tra le più celebri commedie musicali, da "Aggiungi un posto a tavola" ad "Alleluja brava gente".

La Fiastri se ne è andata proprio mentre il "suo" titolo più celebre, "Aggiungi un posto a tavola", era in scena al Teatro Brancaccio di Roma. E' stata l'ultima portavoce di quegli anni e di quel "gran divertimento", condiviso soprattutto sulle tavole del Teatro Sistina di Roma, con Pietro Garinei e Sandro Giovannini, ovvero il trio che insieme alle note eterne del maestro Armando Trovajoli ha inventato la commedia musicale italiana (con titoli che hanno fatto però il giro del mondo).

Studi in filosofia alle spalle, era stata tra le prime autrici donna dei caroselli con Massimo Saraceni. Con quello stile disinvolto e immediato, ma sempre venato di sensibilità e umorismo, passò poi al cinema, nel '64, con un episodio, firmato da Mino Guerrini, del film L'idea fissa. Dall'incontro con Franco Brusati nacquero le sceneggiature per "Pane e cioccolata" e "Dimenticare Venezia", il primo con Nino Manfredi operaio emigrato che cerca di farsi accettare in Svizzera, il secondo sul tema dell'omosessualità con anche Mariangela Melato ed Eleonora Giorgi, che arrivò alla candidatura per il Miglior film straniero agli Oscar.

Negli anni la Fiastri continuerà a scrivere tanto per il cinema tra "Amori miei" di Steno, "Il marito è mio e l'ammazzo quando mi pare" di Pasquale Festa Campanile, "Vedo nudo" di Dino Risi, "Non ti conosco più Amore" di Sergio Corbucci, "Mamma Ebe" diretto da Carlo Lizzani fino a "Via Montenapoleone" di Carlo Vanzina. Ma è nel 1969 l'incontro professionale della sua vita, quando Garinei e Giovannini, già coppia d'oro del teatro italiano dopo i trionfi di "Rinaldo in campo" con Modugno, gli show con Delia Scala e Renato Rascel e "Rugantino", la chiamano a sostituire Luigi Magni nella stesura di "Angeli in bandiera". Da allora uno dopo l'altro i tre firmano i grandi successi di "Alleluja Brava gente" (prima edizione nel '70 con cast da annali: Renato Rascel, Gigi Proietti, Mariangela Melato su musiche di Rascel e Modugno). E poi "Accendiamo la lampada", "Taxi a due piazze", "Se il tempo fosse un gambero", "A che servono gli uomini", "Vacanze Romane" fino al recente "E meno male che c'è Maria", solo con Garinei. Ma soprattutto il "suo" titolo, "Aggiungi un posto a tavola", che nel 1973 osò portare in scena (con un Johnny Dorelli in stato di grazia, è il caso di dirlo) la storia (e la voce) di un Dio così infuriato da infliggere un secondo diluvio universale, un parroco corteggiato da una ragazza e una prostituta che si sposa, nell'eterno conflitto tra Chiesa e sindaco. Con tanto di costruzione dell'arca in legno in scena durante lo spettacolo e vera colomba in volo sul finale.

Ultima testimone di quel gruppetto geniale, la Fiastri ha accompagnato "Aggiungi un posto a tavola" per oltre 40 anni, vedendolo crescere fino a diventare un kolossal da più di 30 edizioni e 15 milioni di spettatori in mezzo mondo. "Negli anni l'ho visto tradotto in inglese, russo, tedesco, spagnolo. Ma la versione italiana resta la più bella", ripeteva, ancora, solo qualche mese fa, tenendo a battesimo l'ultima produzione, con Gianluca Guidi, oggi a Roma, nel ruolo che fu di suo padre.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE