FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Università Lumsa, al primo posto in Sicilia tra gli atenei non statali

L'intervista di "Tgcom24Tour" al rettore Francesco Bonini

Durante la tappa a Palermo di "Tgcom24Tour", il nuovo format itinerante di Tgcom24 che porta l'informazione economica sul territorio, abbiamo incontrato un'altra eccellenza italiana: l'Università Lumsa. L'ateneo, che, secondo la Classifica Censis 2021, si conferma al secondo posto in Italia tra gli atenei non statali di media grandezza e al primo in Sicilia, è oggi un punto di riferimento nel panorama italiano, con sedi e poli universitari attivi nella Capitale, a Palermo e a Taranto. "Tgcom24Tour" ha intervistato il rettore Francesco Bonini.

L'Università Lumsa - L'Università Lumsa è situata nel centro di Roma. Dal 1984, la Scuola di Servizio Sociale Santa Silvia di Palermo è stata giuridicamente incardinata nella Lumsa, per poi diventare la sede distaccata per l'insegnamento dei corsi di scienze sociali. Dal 1999 l'Ateneo è operativo anche nella sede distaccata di Palermo di via Filippo Parlatore. Il polo didattico di Taranto è invece operativo dal 1997 e ospita i corsi di laurea dedicati al non profit e ai servizi sociali. La sede di piazza Santa Rita, al centro della città, è attiva in collaborazione con l'Edas (Ente diocesano di apostolato sociale). A Palermo, l'Università Lumsa si posiziona al primo posto tra gli atenei (sia statali che non statali). 

 

Ripartenza - "A settembre si riparte in presenza - ha spiegato Francesco Bonini ai nostri microfoni parlando, appunto, di ripartenza - Quest'anno dovrebbe essere un anno 'normale', in cui approfittare delle lezioni apprese dall'esperienza del periodo di didattica frammentaria e a distanza, ma soprattutto in cui ritornare al rapporto diretto tra studenti e docenti, che è l'essenza dell'università". 


Pnrr e università - Bonini ha anche parlato del Pnrr in relazione all'università. "Le priorità sono già indicate e le condivido. La prima è il cosiddetto orientamento, cioè accompagnare gli studenti sia nel passaggio dalle scuole superiori all'università, sia attraverso il percorso universitario e infine dall'università al lavoro. In secondo luogo, i dottorati di ricerca. Investire in formazione cosiddetta di terzo livello è molto importante perché in questo modo si creano delle professionalità e delle persone agguerrite sull'innovazione in un contesto internazionale (perché tutti i dottorati prevedono almeno un anno all’estero). Infine, lo snellimento delle regole", ha detto. 

 

Università e lavoro - Inoltre, secondo il rettore, per creare un ponte tra l'università e il lavoro è necessario "snellire i piani di studi" e, quindi, "non penalizzare la formazione teorica che è quella che distingue lo studente italiano, ma contaminarla con la pratica". 


Infine, si è toccato il tema degli stipendi di ricercatori e docenti: "Sono pagati meno dei loro parigrado europei. Quello del riconoscimento stipendiale di tutto il sistema dell'educazione è un grande problema sociale", ha concluso Bonini. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali