FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

"Tgcom24Tour", il mondo del lavoro nel post Covid secondo le imprese

Ne abbiamo parlato con Alessandro Zoratti, direttore Strategie, Pianificazione, Regolazione e Sostenibilità di Trenitalia; Michele Crisostomo, presidente del Consiglio di Amministrazione di Enel; Domenico Siniscalco, Vice Chairman, Country Head of Italy and Head of Government Coverage EMEA di Morgan Stanley, e Dino Passeri, direttore generale di Distretti Ecologici SpA

Il mondo del lavoro è molto cambiato dopo la pandemia.

Abbiamo raccolto il punto di vista in merito delle imprese durante la seconda tavola rotonda della tappa a Milano di "Tgcom24Tour". In particolare, ne abbiamo parlato con

Alessandro Zoratti

, direttore Strategie, Pianificazione, Regolazione e Sostenibilità di Trenitalia;

Michele Crisostomo

, presidente del Consiglio di Amministrazione di Enel;

Domenico Siniscalco

, Vice Chairman, Country Head of Italy and Head of Government Coverage EMEA di Morgan Stanley, e

Dino Passeri

, direttore generale di Distretti Ecologici SpA.

 


"Uno dei grandi cambiamenti in atto è il fatto che i ragazzi non mirano più al posto fisso, ma a lavori più flessibili. Questa insieme al digitale e all'ecologico è la terza grande transizione che dovremo governare. La flessibilità del lavoro è minore dove c'è la manifattura, mentre è molto maggiore nei servizi e la produttività dei servizi è aumentata grazie al lavoro a distanza. Sono fenomeni che dovremo capire. Impatteranno sull'inflazione e su altre variabili. Si tratta di un tema macro, non di una curiosità", commenta Siniscalco.


 


"C'è un cambio di paradigma che viene soprattutto dal post Covid: ci si approccia al lavoro in maniera completamento diversa. Ce ne accorgiamo anche nel nostro settore, dove la flessibilità diventa fondamentale. Il motore della transizione non tornerà mai indietro. I cambiamenti da fare sono tanti. La tecnologia avanza e non farà altro che portare a nuove opportunità di lavoro e alla necessità di nuove specializzazioni. La transizione ha tante voci e per ognuna di esse ci vorranno specializzazioni che oggi non sono ancora chiare, ma che domani diventeranno sempre più precise", spiega Passeri. 


 


"La transizione digitale e quella ecologica alimentano una modalità di lavoro che è completamente nuova. L'Enel lavora sul territorio, con le scuole e le università, per diffondere la cultura dei nuovi mestieri della transizione ecologica. L'approccio al lavoro non è quello di qualche anno fa, si guarda alla flessibilità e alle qualità nuove che servono - afferma Crisostomo -. Noi vediamo nella transizione digitale e in quella ecologica una straordinaria opportunità di creazione di posti di lavoro".


 


"Per le sfide che abbiamo davanti - la crescita dell'offerta e della domanda di mobilità, ma soprattutto gli investimenti che dobbiamo affrontare - prevediamo 40mila assunzioni nei prossimi 10 anni. Parliamo soprattutto di ingegneri progettuali. Dobbiamo trovarli e per questo facciamo rete con l'Università", conclude Zoratti.


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali