FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il 2019 è stato l'anno del clima e di Greta Thunberg: è lei il personaggio dell'anno secondo i lettori di Tgcom24

Boris Johnson a un passo dalla giovane svedese. La parola regina, clima, è ancora legata alla leader delle battaglie ambientaliste nel mondo, mentre la notizia più votata è la morte di Nadia Toffa

Greta Thunberg torino

Il personaggio dell'anno è stata Greta Thunberg, la parola il clima, la notizia la morte di Nadia Toffa: così hanno votato i lettori di Tgcom24 nei sondaggi che abbiamo lanciato negli ultimi giorni del 2019 per chiedere a tutti voi di esprimere le vostre preferenze sugli eventi e le persone che hanno caratterizzato gli ultimi dodici mesi. Una svolta significativa rispetto al 2018, che si era chiuso nel segno di Matteo Salvini, votato come personaggio dell'anno dai nostri lettori. 

Greta e il suo movimento ambientalista hanno colpito gran parte dei nostri lettori, tanto che la Thunberg e la parola clima si guadagnano due dei tre podi, quello del personaggio e quello della parola. La scomparsa di Nadia Toffa, la conduttrice televisiva delle Iene morta ad agosto, a soli 40 anni, dopo una lunga battaglia contro il tumore, è invece la notizia che ha raccolto più preferenze. 

 

IL PERSONAGGIO - La giovane svedese si piazza dunque in cima alle preferenze dei nostri lettori: è lei il personaggio del 2019 per il 32% dei votanti.  A brevissima distanza da Greta Thunberg, sul secondo gradino del podio c'è invece il premier britannico Boris Johnson, con il 31% dei voti. Terza la senatrice a vita, sopravvissuta ad Auschwitz, Liliana Segre, che è stata al centro di messaggi di haters e di minacce, tanto da ricevere la scorta, che le è stata assegnata lo scorso novembre. A seguire, due personaggi dello sport, a  pari merito: l'8% dei voti va a Roberto Mancini, commissionario tecnico della nazionale di calcio italiana, e altrettanti voti vanno al tennista Matteo Berrettini, vincitore di due tornei, che riporta il nostro Paese nella top ten mondiale, dove non c'era un nostro giocatore dai tempi di Adriano Panatta e Claudio Barazzutti. In coda la comandante della Sea Watch Carola Rackete, il leader delle Sardine Mattia Santori e la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen

 

LA PAROLA - Non c'è storia nella "sfida" sulla parola del 2019, stravinta da Clima. E' la parola simbolo dell'anno per il 34% dei nostri lettori. A grande distanza i porti aperti-porti chiusi, votati dal 12%, mentre sul terzo gradino ci sono i Nutella biscuits, all'11%. Fuori dal podio le Sardine (7%), a pari merito con l'Atalanta, premiata per la sua annata strepitosa. 

 

LA NOTIZIA - Vince la sfida, per la sezione "notizie", la morte di Nadia Toffa, votata dal 28% dei nostri lettori. Subito dopo, la storia che più ha colpito è quella dell'incendio a Notre Dame, votata dal 20% di voi, mentre al terzo posto si piazza una notizia politica, Salvini che fa cadere il governo in piena estate, alla quale hanno dato la loro preferenza il 18%. L'agguato a Manuel Bortuzzo è la notizia dell'anno per il 7% dei lettori, l'omicidio del carabiniere Cerciello Rega per il 5%, mentre l'acqua alta a Venezia, il caos Ilva e la rivoluzione a Hong Kong sono gli eventi dell'anno per il 4%. In coda i 50 anni dall'allunaggio, le elezioni europee, l'addio ad Andrea Camilleri. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali