FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bimbi affetti da malattie rare, cosa sta facendo lʼUe per aiutarli? | Guarda la nuova puntata di "Insieme/Juntos"

Sabato 8 dicembre è andato in onda il quarto appuntamento del nuovo programma di Tgcom24 dedicato allʼEuropa e alle sue sfide

Charlie Gard, Alfie Evans, ma anche bimbi le cui storie non sono salite agli onori della cronaca e che ancora aspettano una cura. La quarta puntata di "Insieme/Juntos", andata in onda su Tgcom24 sabato 8 dicembre, è un viaggio commovente tra i bambini affetti da malattie genetiche rare, ma con uno sguardo di speranza rivolto al futuro e ai nuovi traguardi della ricerca scientifica.

Il viaggio di Alessandra Viero e Pilar Garcia de la Granja parte da Roma, dall'ospedale pediatrico Bambino Gesù. Qui il direttore scientifico ripercorre i celebri casi di Alfie e Charlie e spiega cosa avrebbe potuto fare il suo ospedale per loro. L'Italia è un paese all'avanguardia per quanto riguarda la cura delle malattie rare, può contare su centri specializzati e terapie innovative.

Dalla Capitale italiana si vola in Spagna dove alcuni genitori di bimbi malati raccontano le loro storie e il calvario per arrivare alla diagnosi. I sintomi delle malattie rare infatti compaiono di solito nei primi due anni di vita, ma per la diagnosi ci vogliono spesso dai 5 ai 7 anni.

Sempre da Madrid, però, parte anche un messaggio di speranza: la ricerca sta progredendo per quanto riguarda la diagnosi e "l'obiettivo del 2027 è che tutte le malattie genetiche rare siano diagnosticabili", ha detto il medico genetista Angel Carracedo. Un altro problema, poi, è rappresentato dalle cure, spesso troppo costose per le famiglie. La legislazione in materia di malattie rare cambia da Stato a Stato, ma l'Europa è particolarmente sensibile al problema ed è al fianco dei genitori e dei bimbi malati.

Il programma settimanale è frutto di una collaborazione con Mediaset Spagna ed è realizzato in partnership con il Parlamento Europeo.

Il sito del Parlamento europeo
La pagina Facebook del Parlamento europeo
Il portale italiano del Parlamento europeo

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali