FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Stipendio dei docenti, 2 su 3 contrari all'aumento legato alla formazione e non agli "scatti" di anzianità

La proposta avanzata dal Ministro dell'Istruzione, presentata prima di Pasqua, ha già fatto mettere sul piede di guerra sindacati e forze politiche. Ora arriva la bocciatura anche da parte dei diretti interessati: gli insegnanti italiani

scuola, docenti
web

Il mondo della scuola, e in particolare gli insegnanti, sembrano non avere dubbi nel bocciare la proposta del Ministro Bianchi di legare l'aumento di stipendio alla formazione professionale: gran parte dei docenti, infatti, si dice contraria a questa ipotesi.

A rivelarlo un recente sondaggio de La Tecnica della Scuola, a cui hanno partecipato 3.437 utenti, che conferma i dubbi sollevati dai sindacati e da una parte delle forze politiche sull'effettiva bontà di una norma studiata in tal senso. Il numero uno di Viale Trastevere aveva ventilato la possibilità del nuovo modello salariale già prima di Pasqua, soffermandosi sull'ipotesi di subordinare eventuali aumenti della retribuzione al livello di preparazione e formazione del singolo docente e non solo all’anzianità di servizio. Trovando però subito un’accoglienza per lo meno gelida.

 


Formazione continua incentivata: è questo il nodo della discordia


 


La discussione si è aperta proprio su uno dei punti più contestati dai sindacati del Piano per il reclutamento presentato da Bianchi: la formazione continua incentivata. Secondo la bozza della riforma, gli aumenti stipendiali dovrebbero essere legati a un percorso di formazione continua, con la creazione di una scuola di alta formazione. Questo percorso sarebbe articolato in gradi, al termine dei quali scatta la progressione salariale, attualmente legata solo all’anzianità di servizio. Sembra, comunque, che gli scatti legati all’anzianità non dovrebbero essere cancellati del tutto ma affiancati al nuovo sistema, almeno secondo ciò che si legge nella scheda tecnica di UIL Scuola sulla bozza del decreto.


 


I docenti contro la proposta di Bianchi: il 90% resta per gli scatti da “anzianità”


 


La formulazione, neanche a dirlo, non convince i professori, uniti nel dirsi contrari alla proposta: più del 60% l'ha infatti rispedita al mittente. Un altro 30% si è invece detto favorevole, a patto però che non vengano cancellati gli attuali “scatti” automatici. Complessivamente, è ben il 90% a non voler dire addio agli scatti di anzianità. Tra l’altro, l'opposizione al nuovo modello stipendiale accomuna sia docenti che non docenti, anche se larga parte dei rispondenti appartiene alla sfera dell'insegnamento. Tra questi ultimi, l'86,6% è insegnante di ruolo mentre solo un 9,2% di risposte arriva da insegnanti precari.


 


Grande parte dei docenti che hanno risposto al sondaggio lavorano nelle scuole superiori (circa il 40% dei rispondenti), mentre i meno interessati all'argomento sembrano essere gli insegnanti della scuola primaria, che hanno partecipato per il 7,5% dei casi. Solo 4 risposte su 100 arrivano invece dai restanti comparti del mondo della scuola, vale a dire studenti, ATA, dirigenti e genitori. Interessante notare, infine, come più della metà delle risposte arrivino dal Centro-Sud, mentre il 31,8% proviene dal Nord-Italia.


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali