FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Città per città, ecco la classifica dei migliori istituti superiori d'Italia

Da Milano a Roma, da Torino a Napoli, lʼatlante delle "eccellenze", elaborato dalla Fondazione Agnelli

scuola, edilizia

Per guidare le famiglie nel delicato passaggio dei figli dalla terza media alle superiori, torna Eduscopio, l'atlante online delle migliori e peggiori scuole italiane, pensato dalla Fondazione Agnelli. Ma come misurare la qualità di una scuola? Tra la scelta in base al rendimento dei ragazzi alla maturità e quelli dei test Invalsi, la Fondazione ha preferito un terzo criterio: la performance degli studenti al primo anno di università, in base al numero degli esami sostenuti e alla media dei voti conseguiti.

Per gli istituti tecnici esiste anche una seconda classifica, basata sugli sbocchi lavorativi: tasso di occupazione e coerenza fra studi fatti e lavoro trovato. Dall'anno scorso si è poi aggiunto anche un altro indicatore, quello dei diplomati che hanno compiuto il percorso scolastico senza mai incorrere in una bocciatura. Se la percentuale è alta, la scuola è inclusiva. Se è bassa, la scuola è selettiva. Dato questo molto importante perché, come spiega il direttore della Fondazione Andrea Gavosto: "Non è vero che gli istituti più selettivi siano anche quelli che preparano meglio all'università e al lavoro". Il gruppo di lavoro ha analizzato i dati di circa 1..255.000 diplomati, in tre successivi anni scolastici, dal 2013 al 2016, in circa 7.300 indirizzi nelle superiori statali e paritarie.

 

 

Per il secondo anno consecutivo la palma di liceo migliore d'Italia va allo scientifico delle scienze applicate Pier Luigi Nervi di Morbegno, Sondrio. Tra Milano e provincia spicca il classico paritario Alexis Carrel e lo scientifico Alessandro Volta, mentre il Francesco Viganò  ha  il primato del miglior istituto tecnico. A Roma emergono il Torquato Tasso, l'Augusto Righi e tra i tecnici il Bachelet. Se ci spostiamo a Torino, ci sono il Cavour e il Galileo Ferraris, mentre per il miglior sbocco lavorativo c'è il Carlo Ignazio Giulio. A Bologna invece ci sono il Mighetti e il Copernico. Per lo sbocco professionale, si distingue il Manfredi. Dante Alighieri, Niccolò Machiavelli e Galileo Galilei sono il top di Firenze. Spostandosi al sud, a Napoli primeggiano il Sannazaro e il Convitto Vittorio Emanuele II. Il Diderot offre invece le opportunità di lavoro più interessanti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali