FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tumori, in Italia la sopravvivenza è più alta rispetto alla media europea

Il rapporto analizza lʼefficacia ed efficienza del sistema sanitario del nostro Paese paragonandolo a quello dei 26 Stati membri dellʼUnione europea

cancro analisi radioterapia esami tumore tumori
-afp

In Italia i tassi di sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi di malattie oncologiche sono più elevati rispetto alle media europea. E' quanto emerge dal rapporto "State of Health in the EU: Italy. Country Health Profile 2019" presentato a Bari. Per il tumore alla prostata, ad esempio, in Italia la sopravvivenza è del 90% contro una media dell'87% nel resto d'Europa. Per il cancro ai polmoni è del 16% in Italia e 15% in Europa

Per quanto riguarda il tumore al seno la sopravvivenza in Italia è stimata all'86% contro l'83% europeo, per il tumore al colon 64% in Italia e 60%in Europa.

 

"Il sistema sanitario nazionale - si legge nel rapporto - fornisce di norma cure efficaci e tempestive per i pazienti oncologici". Più in generale, il Ssn italiano viene promosso per la sua efficacia: "L'Italia registra il secondo tasso pù basso di mortalità prevenibile nell'UE, dopo Cipro".

 

Il rapporto - che verrà presentato successivamente ad Atene, Stoccolma e Helsinki - analizza l'efficacia ed efficienza del sistema sanitario italiano paragonandolo a quello di 26 Stati membri dell'UE. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali