FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Salute >
  • Scoperta la causa principale dell'Alzheimer: speranze per una cura definitiva

Scoperta la causa principale dell'Alzheimer: speranze per una cura definitiva

Lo rivela una ricerca della Duke University, negli Usa: la malattia "appare" quando il sistema immunitario del cervello si nutre di grandi dosi di un aminoacido

- Dagli Stati Uniti arriva una nuova speranza per la lotta al morbo di Alzheimer. I ricercatori della Duke University hanno scoperto la causa principale della malattia, gettando le basi per una nuova potenziale cura definitiva. L'insorgere della patologia coincide con un comportamento anomalo delle cellule del sistema immunitario del cervello, le microglia, che le porta a consumare dosi abnormi di un aminoacido, l'arginina.

Bloccare la formazione delle placche - In seguito all'"abbuffata" di arginina, le cellule della microglia iniziano a dividersi e vanno incontro a una modificazione. Per bloccare questo processo, i ricercatori americani hanno somministrato a topi di laboratorio dosi di difluorometilornitina, una molecola capace di ridurre l'attività enzimatica. L'esito dei test ha evidenziato la riduzione del consumo di arginina da parte delle microglia e della produzione di placche amiloidi, le principali responsabili della comparsa dell'Alzheimer.

Verso una cura - Attualmente non esiste un farmaco in grado di curare l'Alzheimer o bloccare il progredire della demenza: i rimedi disponibili sono soltanto capaci di ridurre i sintomi. L'azione di inibizione enzimatica della difluorometilornitina, però, è stata già utilizzata con discreto successo nel trattamento di alcuni tipi di tumore e offre nuove speranze per contrastare anche la patologia neurodegenerativa. Si calcola che in Italia i malati di Alzheimer siano circa 500mila e che venga colpito circa il 5% dei soggetti over 60.

Uno studio rivoluzionario - "Se sarà accertato anche negli uomini che il consumo di arginina gioca un ruolo così importante nel processo degenerativo, forse potremmo bloccarlo ed invertire il corso della malattia", ha spiegato Carol Colton, co-autrice dello studio pubblicato sul Journal of Neuroscience. La ricerca "apre le porte ad un modo completamente diverso di pensare l'Alzheimer, in grado di farci superare il punto morto in cui ci trovavamo nella lotta contro" la malattia.

TAG:
Alzheimer