FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Oristano, malato di Sla: "Pronto a iniziare lo sciopero della fame"

Lo chef Paolo Palumbo, 21 anni, chiede alle istituzione di investire nella ricerca per curare questa terribile malattia

Oristano, malato di Sla: "Pronto a iniziare lo sciopero della fame"

Lo chef di Oristano Paolo Palumbo, colpito da Sla, lancia un appello e si dice pronto a una protesta forte: "Inizierò lo sciopero della fame, non è possibile che lo Stato italiano non investa nella ricerca e non dia una speranza ai malati come me". Il 21enne affida i suoi pensieri a un comunicatore oculare e in video lancia un appello alle istituzioni. "Questo è il messaggio di un ragazzo arrabbiato".

la Sclerosi laterale amiotrofica non è l'unica patologia con cui il più giovane malato di Sla d'Europa deve combattere, ricorda l'Unione Sarda. A farlo soffrire anche le promesse non mantenute. Paolo Palumbo sa che in America esiste una nuova e costosissima terapia per la Sla, la Brainstorm. "Per portare la cura in Italia servirebbe un investimento di cinque milioni di euro ma forse manca la volontà per farlo. E così per avere accesso a quella terapia un malato deve sborsare mezzo milione di euro, volare negli Stati Uniti o in Israele, affrontare un viaggio insostenibile per le sue condizioni e scommettere che vada tutto bene".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali