FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lʼemicrania diminuisce del 46% la produttività lavorativa

Questa comune forma di mal di testa ha delle ripercussioni anche sul sistema sanitario: "Ogni persona costa 2.648 euro lʼanno"

L'emicrania diminuisce del 46% la produttività lavorativa

Uno studio internazionale, il My migraine voice survey, ha dimostrato che soffrire di emicrania riduce del 46% la produttività lavorativa. Questa forma comune di mal di testa colpisce ben nove milioni di italiani e influenza negativamente anche le più comuni attività quotidiane. L'indagine è stata condotta su un campione di 11.266 persone, residenti in 31 diversi Paesi, che soffrono, o hanno sofferto, di questo disturbo.

Più di un intervistato su tre (circa il 37%) ha dichiarato di aver soffferto di emicrania per oltre 16 anni e circa la metà delle persone colpite ha lamentato problematiche nello svolgimento di diverse mansioni. I disagi creati da questo tipo di mal di testa si manifestano soprattutto nel lavoro. In media, il 60% del campione preso in esame si è assentato per quasi una settimana lavorativa (4,6 giorni) in un mese.

Tutto ciò ha anche un costo a livello sanitario. Nel nostro Paese, ha sottolineato Paolo Martelletti, presidente della Federazione europea delle cefalee, "il costo annuo pro-capite per farmaci, ricoveri, accessi al pronto soccorso, visite ed esami varia da 829 euro per la forma episodica a 2.648 euro per la forma cronica". Ma potrebbe esserci una speranza in grado di aiutare sia i malati sia il sistema sanitario nazionale. "Sarà disponibile entro l'anno in Italia - ha concluso Martelletti - un anticorpo monoclonale che potrà aiutare a rendere gestibile la malattia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali