FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Influenza, vicini ai 200mila casi Dieci consigli per affrontarla nei bimbi

Il picco è previsto per il mese di dicembre. Il decalogo sarà presentato al Convegno di infettivologia e vaccinologia pediatrica di Firenze

Influenza, vicini ai 200mila casi Dieci consigli per affrontarla nei bimbi

Sono quasi 200mila i casi di influenza accertati in Italia, per la precisione 193.200, da quando, a metà ottobre, è iniziato il monitoraggio della rete Influnet, coordinata dall'Istituto superiore di sanità. Sono 47.400 i casi stimati nella settimana che va dal 9 al 15 novembre. Gli esperti spiegano che il picco è previsto per dicembre. In caso di febbre nei bambini, ecco un decalogo realizzato in occasione del Convegno di infettivologia e vaccinologia pediatrica di Firenze.

L'attività dei virus influenzali è ancora ai livelli di base come nelle precedenti stagioni, sottolinea il rapporto Influnet. In tutte le Regioni l'incidenza è sotto la soglia epidemica tranne in Basilicata, dove risulta comunque bassa e non tutti i medici coinvolti hanno reso disponibili i dati. I più colpiti sono i bambini, in particolare i più piccoli: a fronte di un'incidenza complessiva pari a 0,78 casi per mille assistiti, nella fascia di età 0-4 anni l'incidenza è pari a 2,61 casi per mille assistiti.

Il decalogo - L'influenza può manifestarsi nei più piccoli con febbre alta e dolori, ma "i genitori non si devono allarmare e soprattutto non devono somministrare al figlio troppi antipiretici per abbassarla, collegando l'assenza della febbre alla guarigione. Non deve essere così". A dettare le linee guida per prendersi cura al meglio dei propri bimbi è Maurizio de Martino, direttore del dipartimento di Pediatria internistica dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze.

1. Per la misurazione impiegare solo il termometro elettronico digitale e solo sotto l'ascella: è lo strumento migliore di misurazione della temperatura corporea. La via rettale è causa di sconforto e anche di incidenti

2. Far visitare in giornata il lattante febbrile, perché è frequente la possibilità di infezione batterica grave

3. Se la febbre non si abbassa non intestardirsi con l'antibiotico: non sempre la causa è un'infezione

4. Rispettare le dosi di medicinale prescritte dal medico o indicate sul foglio illustrativo

5. Rispettare i tempi di assunzione indicati dal medico, senza prolungarli o accorciarli

6. 90 minuti: questo è il tempo massimo entro il quale deve essere atteso l'effetto dell'antipiretico

7. La via di somministrazione migliore è sempre quella orale, salvo casi rari

8. No ai "rimedi della nonna": spugnature, ghiaccio, o pezzette sono non solo inutili (la febbre è un innalzamento centrale e non periferico della temperatura corporea), ma anche controproducenti: causano brivido e quindi innalzamento della temperatura e malessere nel bambino

9. La crescita dei dentini non provoca febbre: non esiste cioè la febbre da eruzione dentaria.

10. Attenzione alla malaria se il bambino febbrile è di ritorno da un Paese nel quale è in corso endemia malarica

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali