FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Giornata del Fiocchetto Lilla, disturbi alimentari per 3 milioni di italiani: sintomi già a 8 anni

A soffrire di anoressia e bulimia sono 2,3 milioni di giovani, soprattutto di sesso femminile. La storia di Giulia, che ha vinto i disturbi con lo sport e ora aiuta i ragazzi nelle scuole

Giornata del Fiocchetto Lilla, disturbi alimentari per 3 milioni di italiani: sintomi già a 8 anni

Il 15 marzo si celebra la Giornata nazionale del Fiocchetto Lilla, dedicata alla consapevolezza dei disturbi del comportamento alimentare. L'evento, giunto alla sua sesta edizione, è promosso dall'associazione Mi nutro di vita. In Italia sono 3 milioni i giovani che soffrono di disturbi del comportamento alimentare: il 95,9% sono donne, il 4,1% uomini. Una vera e propria epidemia sociale, con sintomi che compaiono fin dall'età di otto anni.

A soffrire di anoressia e bulimia sono 2,3 milioni di adolescenti. "Negli ultimi dieci anni si è abbassata in modo vistoso l'età di insorgenza dei Disordini Alimentari - sottolinea Dalla Ragione - con esordi frequenti a 8-10 anni", ha ricordato Laura Dalla Ragione, che dirige il Numero Verde SOS DCA della Presidenza del Consiglio dei Ministri. "La patologia non riguarda più solo gli adolescenti, ma va a colpire anche bambini in età prepubere, con conseguenze molto più gravi sul corpo e sulla mente".

Iniziative ed incontri - In occasione della Giornata del Fiocchetto Lilla, i monumenti e alcuni edifici di decine di città italiane si coloreranno di lilla. In molti Comuni sono stati organizzati incontri e convegni per "dare voce alla speranza di chi lotta contro i disturbi del comportamento alimentare, contro ogni pregiudizio e forma di ignoranza".

L'anoressia è il disturbo più pericoloso dal punto di vista della mortalità, intorno al 5-10%, e si stima che chi ne soffre abbia un rischio di morte dieci volte maggiore rispetto alla popolazione generale. Oltre al numero verde 800180969, le istituzioni mettono a disposizione anche un sito, www.disturbialimentarionline.it, con la mappa di strutture e e associazioni dedicate ai disturbi del comportamento alimentare in Italia.

Sono poche però le realtà in grado di accogliere i ragazzi sotto i 14 anni, che hanno bisogno di cure particolarmente complesse. "Il trattamento integrato è infatti costruito da un piccolo esercito di professionisti (medici, psicologi, dietisti, filosofi, infermieri) che a 360 gradi affrontano queste complesse e insidiose patologie - spiega Dalla Ragione -. Cercando di aprire un varco nel muro del controllo ossessivo della patologia anoressica attraverso il lavoro sul corpo, sulla parola, sul sogno".

La vittoria di Giulia - Giulia ha vinto con lo sport e con l'aiuto di chi conosce bene i disturbi alimentari. Il suo problema è nato con un bullismo verbale: i bambini da piccola la prendevano in giro per i pochi chili di troppo che poteva avere addosso una ragazzina in crescita. Dopo anni a combattere con l'ago della bilancia, a un passo fra l'anoressia e la successiva bulimia, ora mette la sua esperienza e le sue risorse a disposizione dei ragazzi nelle scuole, sostenendo un progetto di Aba, l'Associazione per lo studio e la ricerca sull'anoressia, la bulimia e i disordini alimentari, fondata da Fabiola De Clercq nel 1991.

Giulia è diventata un'imprenditrice affermata e ha da pochi giorni dato il via al suo blog "Fit is Beauty", che parla di bellezza intelligente e "insegna a misurarsi solo con se stesse, che racconta attraverso immagini e video tutorial la storia di chi, trova un'infinita energia e forza interiore semplicemente facendo una promessa a se stessa: dedicarsi 30 minuti al giorno".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali