FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Anoressia e bulimia per 2 milioni di ragazzi: iniziano già a otto anni

Lʼallarme è stato lanciato dalla Società italiana di pediatria: sono stati registrati nuovi disturbi alimentari che colpiscono anche i giovanissimi

Anoressia e bulimia per 2 milioni di ragazzi: iniziano già a otto anni

Sono due milioni gli adolescenti italiani che soffrono di un qualche disturbo alimentare. Anoressia, bulimia, ma anche nuovi disordini come la disfagia e la "food avoidance" che colpiscono fasce di età inferiori, interessando perfino i ragazzini di otto anni. L'allarme è stato lanciato dalla Società italiana di pediatria in occasione di un congresso organizzato il 4 giugno a Roma, nel corso si è tentato di offrire ai genitori gli strumenti per riconoscere i primi sintomi.

Allarme giovanissimi - Nel complesso in Italia sono due milioni i giovani interessati da questi disturbi, in metà dei casi classificati come parziali, che nel 40% dei casi si presentano tra i 15 e i 19 anni. A evidenziare l'esordio sempre più precoce dei disturbi dell'alimentazione è stata, tra le altre, anche una ricerca condotta dal ministero della Salute su 1.380 preadolescenti e adolescenti. Casi di anoressia e bulimia sono stati registrati già a 8 anni di età, insieme a disordini più complessi da interpretare come la disfagia, cioè la difficoltà a deglutire o l'alimentazione selettiva passando per il "food avoidance emotional disorder" (disturbo emotivo che porta a evitare cibo).

Quattro semplici domande - "Tra gli 8 e i 10 anni si manifestano i primi segni del problema", spiega Giampaolo De Luca, Vicepresidente della Società Italiana di Medicina dell'Adolescenza. "Se si riesce a intercettarli subito - prosegue - i ragazzi recuperano". Ma come riuscirci? Secondo l'esperto è tutto nelle mani del pediatra, il cui compito principale sta ne porre quattro "semplici" domande:

1. Ritieni che dovresti metterti a dieta?
2. Quante diete hai fatto nell'ultimo anno?
3. Ti senti insoddisfatto del peso del tuo corpo?
4. Il peso influenza l'idea che hai di te stesso?

Come riconoscere i sintomi - Anche per i genitori ci sono dei campanelli d'allarme. "Il genitore deve preoccuparsi - spiega De Luca - se nota ansia, oppure la tendenza a chiudersi in se stessi, se nascondono le cose che fanno o se si isolano". "Alcuni segnali - aggiunge - vengono dal modo in cui si mangia, ad esempio lo sminuzzare il cibo, la lentezza del pasto, l'esclusione di alcuni alimenti".

Guarire è possibile - Una volta individuato il problema la guarigione, dicono le statistiche, è possibile: allo stato attuale la remissione a 5 anni dell'anoressia è del 66,8%, contro il 45% della bulimia. "Il pediatra ha il compito fondamentale di fare da sentinella", dichiara il presidente della Società italiana di pediatria, Giovanni Corsello. "Una volta individuato il problema - conclude - serve però una gestione multidisciplinare, dal neuropsichiatra al nutrizionista, perché il disturbo alimentare è solo la manifestazione di un problema più profondo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali