FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

"La cinica lotteria dei rigori" è la sigla di "Mai Dire Gol" 1994/95

Nel giorno in cui prende ufficialmente il via la nuova stagione di Serie A, riviviamo l'intro della storica trasmissione di Italia 1


 


Sabato 13 agosto la

Serie A

prende ufficialmente il via con i primi anticipi che alle 18.30 vedranno confrontarsi Sampdoria e Atalanta a

Marassi

e Milan-Udinese a

San Siro

. L'inizio del campionato è dunque l'occasione per tornare almeno per qualche minuto alla stagione 1994/95 di

"Mai Dire Gol"

, lo storico programma di

Italia 1

caratterizzato dalla voce della

Gialappa's Band

e dalle irriverenti gag dei numerosi

comici

che si alternavano durante ogni puntata.



Come già accaduto per le due edizioni precedenti, la sigla di apertura venne firmata da

Elio e le Storie Tese

e si presentava con il nome de

"La cinica lotteria dei rigori"

. Se il testo è facilmente riconducibile al triste epilogo della finale dei mondiali di calcio che proprio in quell'estate aveva visto

l'Italia

di Baggio e Baresi piegarsi dagli undici metri al

Brasile

di Romario, il video era una parodia di un celebre spot di quel periodo e vedeva - accanto ai comici del programma - la partecipazione di diversi

allenatori

e

calciatori

, a partire dal portiere

Gianluca Pagliuca

.


 


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali