FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Zaki, il sottosegretario agli Esteri Della Vedova: "Il governo avvia le verifiche per concedergli la cittadinanza"

Dopo il voto in Senato l'esecutivo si mobilita a favore dello studente in carcere: "Vogliamo che gli siano garantiti i diritti della difesa"

"Il governo darà seguito all'impegno preso in Parlamento con un ordine del giorno approvato a larghissima maggioranza, e a cui l'esecutivo ha dato parere favorevole, avviando le verifiche necessarie per il conferimento della cittadinanza a Patrick Zaki". Lo ha detto il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova. "Ci stiamo adoperando perché a Zaki siano pienamente garantiti i diritti della difesa", ha aggiunto. 

Quanto ai tempi, "la prossima settimana cominciamo a lavorare sulle verifiche necessarie", ha concluso Della Vedova. 

 

 

Community: serve una spinta bipartisan per naturalizzare Zaki - Intanto sul caso interviene anche una comunità di cittadini e studenti, la "Station to station", che su Change.org ha lanciato a inizio anno una petizione online per chiedere al governo la cittadinanza italiana per Zaki. "La campagna per la naturalizzazione di Zaki a cittadino italiano necessita in questo momento di una spinta bipartisan che porti le forze della maggioranza a una linea chiara sulla questione", chiariscono gli attivisti. "Il Senato - scrivono - ha votato e il governo, attraverso Sereni - viceministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale del governo Draghi - ha dato parere favorevole seppur con riserve. Il governo è quindi pienamente coinvolto da quella che è la volontà parlamentare e ancor prima popolare". 

 

Per la community è importante "che la società civile rimanga attiva e mobilitata come e più di quanto lo sia stato in questo lungo anno di lotta, perché i risultati ottenuti non rimangano sulla carta ma portino davvero una speranza, una mano tesa a Patrick. Un ragazzo solo, in un posto molto buio del mondo, solo perché è difensore dei diritti umani". Gli attivisti rilanciano quindi l'appello a firmare la petizione online che al momento conta oltre 230mila sottoscrizioni. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali