FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ue, Conte: "Rispetteremo le regole, determinati a evitare la procedura"

Secondo il premier il deficit calerà fino al 2,2%, mentre Bruxelles prevede il 2,5%: "Bisogna ridurre il debito senza manovre recessive"

Ue, Conte: "Rispetteremo le regole, determinati a evitare la procedura"

"I saldi di finanza pubblica rispetteranno le regole del braccio preventivo". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. "La trattativa con Bruxelles vedrà il governo determinato a evitare l'apertura della procedura. Riteniamo probabile che il deficit possa scendere fino al 2,2%, quando la stima della Commissione Ue è del 2,5%. La nostra posizione ci consente di ottenere stime più favorevoli", ha precisato.

"Un esito positivo del dialogo con le istituzioni europee è fondamentale anche per far crescere il peso politico dell'Italia e per rivendicare un 'portfolio' economico importante nella nuova Commissione Ue", ha sottolineato il premier.

"Infrazione dannosa per noi e per l'Ue" - Il governo è "massimamente impegnato ad evitare da qui ai prossimi mesi l'apertura di una procedura di infrazione per deficit eccessivo", ha affermato ancora Conte. "Come ho avuto modo di sottolineare in più occasioni, sono assolutamente fiducioso nella capacità di dialogo tanto del nostro governo quanto della Commissione europea. Una procedura d'infrazione sarebbe estremamente dannosa sia per le prospettive di crescita del nostro Paese che per l'intera Eurozona".

"Ridurre il debito senza manovre recessive" - L'impegno dell'esecutivo è quello di concordare con i partner europei "un percorso credibile di riduzione del debito, nel segno della sostenibilità sociale e senza attuare manovre recessive, che sarebbero in contraddizione con l'agenda di rilancio della crescita adottata sin dallo scorso anno".

Di Maio: "L'Ue non andrà fino in fondo" - Sulla questione è intervenuto anche il vicepremier Luigi Di Maio, affermando: "Non so prevedere il futuro ma non credo che andranno fino in fondo". Il ministro del Lavoro ha poi precisato: "Non credo che l'obiettivo sia andare contro l'Unione europea, ma di abbassare le tasse e migliorare la condizione degli italiani. Per ottenere quell'obiettivo ci vuole dialogo con l'Ue ma anche prese di posizione ferme".

"Dialogo, ma dobbiamo farci rispettare" - Di Maio ha poi ribadito il suo "no" all'ipotesi di manovre restrittive, avvertendo che "non se ne deve neanche parlare. In questo momento lavoriamo alla nuova legge di bilancio e mettiamoci dentro le cose che servono agli italiani". E ancora: "Di sicuro non vogliamo andare contro l'Ue, ci vuole un dialogo, ma è fondamentale farci rispettare. Nessuno si metta in testa di tagliare i servizi ai cittadini italiani. Non lo permetterò".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali