FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scuola, scoppia la polemica per i mono-banchi da 300 euro: esposto sui costi | Indetta una gara europea per l'acquisto

Sulle supplenze il ministro Azzolina rassicura: "Non daremo le cattedre a chi non ha titolo per insegnare"

E' lotta contro il tempo per fare arrivare i mono-banchi nelle scuole entro l'inizio delle lezioni a settembre, con l'obiettivo di "massimizzare gli spazi" ai tempi del coronavirus ed "evitare lo sdoppiamento delle classi". I tempi sono molto stretti e Domenico Arcuri accelera: il commissario per l'emergenza ha infatti indetto una gara pubblica europea per l'acquisto di un massimo di tre milioni di banchi. Ma montano le polemiche per i costi.    

Gara europea - La gara è stata indetta per consentire alle scuole di riaprire a settembre in sicurezza e prevede la fornitura fino a 1,5 milioni di banchi monouso tradizionali e fino a 1,5 milioni di banchi di tipo più innovativo. 

 

Esposto del Codacons - Ed è proprio sulle stime dei costi che si scatena la bufera: di parla infatti di 300 euro per ogni singolo banco. Così, oltre a promettere interrogazioni parlamentari, contro i mono-banchi il Codacons ha annunciato anche un esposto alla magistratura contabile "affinché si faccia chiarezza su tutti gli aspetti dell'appalto del Miur". Il Codacons spiega di voler capire "se vi sia stata una regolare gara" e come viene "individuata la società che dovrà fornire i nuovi banchi. E' necessario inoltre appurare se la spesa a carico della collettività sia congrua e proporzionata o se, al contrario, vi siano stati sperperi di fondi pubblici".

 

 

Secondo il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, l'esposto all'Anac serve a verificare la sussistenza di potenziali conflitti di interesse: "Se emergeranno irregolarità o aspetti poco chiari, non esiteremo a chiedere il blocco dell'appalto, a tutela degli interessi della collettività".

 

Il ministro Azzolina visita una scuola di Milano, aule già pronte per la didattica post-Covid

Il ministro dell'Istruzione, Lucia Azzolina, ha visitato l'istituto comprensivo Riccardo Massa, nella periferia nord-ovest di Milano. Ad accoglierla il dirigente scolastico, Milena Piscozzo, e il dirigente dell'Ufficio scolastico regionale, Augusta Celada. Il ministro ha fatto un giro delle aule, già predisposte per la riapertura in sicurezza il 14 settembre. Ad attendere la Azzolina anche un gruppo di rappresentanti del "Comitato priorità alla scuola", che hanno espresso preoccupazione per la ripartenza.  

Azzolina: "Banchi singoli necessari per il distanziamento" Il ministro Azzolina, a margine della sua visita all'istituto comprensivo Riccardo Massa di Milano, ha detto che "i banchi sono singoli e al momento sono quelli che ci garantiranno maggiore distanziamento ma in futuro permetteranno l'avvicinamento, cioè di avere un'innovazione didattica che permette agli studenti di lavorare in gruppo".

 

Quanti ne servono? "Stiamo facendo le rilevazioni, le abbiamo fatte prima con l'ufficio scolastico regionale. E adesso anche con i dirigenti scolastici. Stiamo distinguendo per la scuola primaria, secondaria di primo grado e di secondo grado", ha sottolineato l'Azzolina. Le scuole hanno tempo fino al 24 luglio per avanzare le richieste del loro fabbisogno.

 

Ma è polemica anche per le supplenze Sull'assegnazione delle supplenze, invece, il ministro ha spiegato che "qualcuno vuole far credere che daremo le cattedre a chi non sa insegnare e non ha titolo a farlo. Niente di più falso. Voglio rassicurare tutti, soprattutto le famiglie: stiamo facendo l'esatto contrario".

 

Rientro a scuola, ecco come saranno le aule

 

"Fino ad oggi accadeva che le supplenze potessero andare a chiunque, anche a chi non era minimamente formato, attraverso le cosiddette Mad, le messe a disposizione. Si presentava un curriculum a scuola e avveniva la chiamata - ha proseguito -. Noi stiamo cambiando sistema. Per infanzia e primaria i contratti a tempo determinato, perché di questo stiamo parlando, andranno prima a chi è abilitato, e dopo, in subordine, a chi si sta laureando in Scienze della formazione primaria".

 

"Si tratta della laurea che abilita all'insegnamento proprio per questo grado di scuola e durante la quale si fanno anche specifici percorsi di tirocinio. Parliamo quindi di giovani preparati, perché già in possesso delle competenze derivanti dallo svolgimento del tirocinio. Ci rimproverano per questo?", ha concluso.

 

Scuola, ecco la situazione di classi e insegnanti

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali