FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Salvini: "Nessun golpe da parte dei giudici, ci sono solo inchieste in corso"

Dopo lʼaffondo di venerdì, il vicepremier frena sui giudici. Di Maio: "Ieri glielʼho detto che non deve attaccare i magistrati"

"Non c'è nessun golpe giudiziario, ci sono delle inchieste. Spero che facciano bene e facciano in fretta. Rispetto il lavoro di tutti". Dal Forum Ambrosetti di Cernobbio, il vicepremier Matteo Salvini frena dopo l'attacco di venerdì ai magistrati che l'hanno indagato per il "Caso Diciotti" e che indagano sui fondi della Lega. E l'altro vicepremier, Luigi Di Maio, spiega: "Ieri l'ho detto a Salvini che non deve attaccare i magistrati".

"Conto - ha sottolineato Salvini - di fare per almeno 5 anni il lavoro di ministro dell'Interno, senza essere considerato un assassino o un rapitore. Aspetto con curiosità le sentenze che mi riguardano, sono disponibile ad andare a Palermo domani anche a piedi, non sono al di sopra della legge". Il ministro ha quindi chiarito che "rispetto il lavoro di tutti, non mi tolgono il sonno e vado avanti a lavorare per fare quello che gli italiani mi chiedono. Sono disposto a spiegare ai magistrati che bloccare il traffico di esseri umani è un mio dovere e commetterei omissione di atti di ufficio se non lo facessi. Ho la coscienza così a posto che sono disposto a essere indagato anche per altre 15 fattispecie di reato", ha spiegato.

Di Maio: "L'ho detto io a Salvini di non attaccare i magistrati" - Il dietrofront di Salvini sui giudici, però, non sembra essere arrivato dopo che il ministro dell'Interno ci ha semplicemente dormito sopra. Il leader M5s Luigi Di Mario spiega infatti di essere stato lui, durante un incontro notturno, a far aggiustare il tiro al collega vicepremier. "Quando non siamo d'accordo - ha raccontato durante una diretta Facebook per l'anniversario del 'V-Day' - io glielo dico e ieri l'ho detto a Salvini che non deve attaccare i magistrati. Perché quei magistrati sono gli stessi che arrestano i corrotti, gli scafisti e i mafiosi. E quindi, allo stesso modo, si rispettano anche quando ci indagano".

Anche perché, ha proseguito Di Maio, "sappiamo che abbiamo preso una scelta tutti insieme, politica, sulla nave Diciotti, e la portiamo avanti tutti insieme, senza perdere la testa, con calma e sangue freddo. Il sistema non sta giocando contro di noi sui fatti, ma sulle dichiarazioni si gioca a creare fibrillazioni nel MoVimento e anche nella Lega. Non possiamo basare il dibattito politico sulle dichiarazioni, dobbiamo badare ai fatti".

Bonafede: "Il mio non era un attacco a Salvini" - Un secondo chiarimento, poi, sembra esserci stato anche tra Salvini e il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Il quale ha sottolineato che il suo intervento dopo la diretta Facebook di Salvini con l'affondo nei confronti dei giudici "non era un attacco a Salvini ma una precisazione. Un ministro ha il diritto di dire che un magistrato sta sbagliando, ma dire che un magistrato sta sbagliando perché è di destra o sinistra è errato. Non credo che Salvini voglia questo, che riporterebbe l'Italia al passato e sono sicuro è d'accordo con me".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali