FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Rifiuti, Di Maio contro Salvini: "La sua polemica crea tensioni"

Gli inceneritori, spiega il leader M5s, "non sono nel contratto di governo". Il ministro Costa: "Non cʼè unʼemergenza rifiuti, cʼè unʼemergenza roghi tossici"

Il tema dell'inquinamento continua a creare tensioni all'interno della maggioranza di governo, con il vicepremier Luigi Di Maio che replica nuovamente alle parole del collega Matteo Salvini. "A me dispiace che Salvini abbia deciso di lanciarsi in questa polemica e di creare tensioni", ha dichiarato il ministro del Lavoro. Il capo politico del M5s ha poi ribadito la necessità di "puntare sulla raccolta differenziata e non sugli inceneritori".

Come funziona un impianto di termovalorizzazione

"Questa polemica sugli inceneritori - ha aggiunto Di Maio - si fonda su un tema che non essendo nel contratto di governo non si pone. Abbiamo un ministro dell'Ambiente che ha scoperto la Terra dei fuochi e conosce la Campania, quindi affidiamoci a lui. Lì ci vive la mia famiglia, sono la persona più preoccupata". Il vicepremier ha quindi spiegato che il suo modello ideale "è Treviso, dove c'è solo raccolta differenziata e non ci sono inceneritori".

E il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, chiamato in causa da Di Maio, spiega a sua volta che "gli inceneritori non sono nel contratto di governo. A Salvini hanno raccontato che c'è un'emergenza rifiuti che è diversa dalla questione dei roghi tossici; lunedì ci vedremo a Caserta per firmare un piano di azione non sull'emergenza rifiuti ma sulla sofferenza per i roghi tossici, che è un'altra cosa".

Contro il leader leghista si schiera anche il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, secondo il quale quella di Salvini è "una posizione inaccettabile e lontana dalla realtà", che "ci danneggia come Paese perché in queste ore stiamo trattando con l'Europa, assieme al ministro Sergio Costa, per far togliere all'Italia l'infrazione per reato ambientale per inadempienze". E quindi, spiega, "se un membro del governo esce con quelle posizioni come si va a trattare a Bruxelles? Sono 120mila euro di multa al giorno per l'Italia".

Inceneritori, la mappa degli impianti italiani

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali