FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Renzi chiama Conte e annuncia lʼaddio al Pd, ma con "pieno sostegno al governo"

Lʼufficializzazione prevista martedì. Non tutti i fedelissimi però lo seguiranno: Lotti, Guerini e Nardella resteranno con i Dem

Nonostante gli ultimi appelli, anche da parte dei fedelissimi, Matteo Renzi non si ferma. Con una telefonata a Giuseppe Conte, l'ex segretario del Pd ha annunciato al premier la scissione della sua corrente di Dem che sarà ufficializzata martedì e ha garantito pieno sostegno al nuovo esecutivo. Il suo movimento nascerà in Parlamento con un gruppo autonomo alla Camera e, secondo le ultime indiscrezioni, anche al Senato.

A fermare Renzi ci ha provato anche il sindaco di Firenze Dario Nardella, fedelissimo della prima ora. Ma ormai l'ex premier sembra deciso: nelle prossime ore, con un'intervista ad un quotidiano, annuncerà le ragioni che lo hanno spinto a lasciare il Pd e a mollare gli ormeggi per il suo nuovo movimento. Chi gli è vicino assicura che la mossa non sarà un pericolo per il governo, anzi, "paradossalmente - aveva già garantito Renzi in un'intervista al Times - ne amplierebbe il sostegno".

L'ex premier ha assicurato lealtà a Conte. Nessun contatto, invece, spiegano al Nazareno, con il segretario Nicola Zingaretti che domenica ha rinnovato l'appello ad evitare una scissione del Pd. "C'è uno spazio politico enorme - spiega uno dei dirigenti fedeli a Renzi impegnati nell'operazione - sia nell'elettorato moderato visto l'appannamento di Berlusconi e la centralità di Salvini, sia nell'elettorato di centrosinistra perché sentir cantare 'Bandiera rossa' alle feste del Pd per molti elettori non è folclore e mette a disagio".

Non tutti i fedelissimi, però, seguiranno l'ex premier: Luca Lotti e Lorenzo Guerini, neo ministro della Difesa, restano nel Pd, così come Nardella e altri parlamentari. Una separazione dolorosa che Renzi ha voluto accelerare proprio per aver tempo di spiegare la decisione prima della Leopolda, dove, raccontano i suoi, si traccerà la rotta del nuovo movimento.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali