FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Reddito di cittadinanza, Siri (Lega): niente soldi a chi sta sul divano

"Noi un inizio importante di abbassamento della pressione fiscale lo abbiamo ottenuto"

Reddito di cittadinanza, Siri (Lega): niente soldi a chi sta sul divano

"Se l'idea alla base del reddito di cittadinanza è quella di dare soldi alle persone perché se ne stiano sul divano di casa, la sofferenza dell'elettorato della Lega è assolutamente condivisibile". Lo afferma il sottosegretario alle Infrastrutture, Armando Siri, aggiungendo: "Il punto è che non deve essere così. Deve essere una misura indirizzata esclusivamente a coloro che si danno da fare per riuscire a ottenere un lavoro".

"Noi - prosegue l'esponente della Lega al Corriere della Sera - un inizio importante di abbassamento della pressione fiscale lo abbiamo ottenuto". E "il nostro elettorato incassa la flat tax per le partite Iva fino ai 65mila euro, la cedolare secca sugli affitti degli immobili commerciali, la riduzione delle accise sulla benzina, l`assunzione di agenti di polizia e vigili del fuoco, un intervento a favore degli invalidi. E i Cir per le infrastrutture, conti individuali di risparmio che consentono alle famiglie di comprare titoli di Stato con una defiscalizzazione".

Quanto al disavanzo, "è un problema se non è teso alla crescita. L`eccessiva timidezza è controproducente. Fosse stato per me avrei fatto anche di più per abbassare le tasse. Ma proprio perché il nostro governo è frutto di un compromesso, sul tavolo ci sono anche le richieste degli alleati".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali