FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Quattro sinistre unite solo per il potere: Berlusconi chiude le porte al governo

"La maggioranza che sostiene lʼesecutivo è molto diversa da noi", dice il leader di Forza Italia che esclude qualsiasi sostegno azzurro a Conte. E sulla crisi: "Serve uno shock fiscale per far ripartire il Paese"

berlusconi

"Un milione di lavoratori autonomi che non hanno ancora visto i 600 euro promessi dal governo, tre milioni di dipendenti che aspettano ancora la cassa integrazione mentre quasi nessun imprenditore ha ricevuto i prestiti garantiti dallo Stato".  Sono questi i veri numeri della crisi, secondo Silvio Berlusconi, che da politico e da imprenditore analizza i fattori principali della Fase2 in un Paese che non riesce a riprendersi dall'emergenza Covid.

La Festa della Repubblica - "Le critiche sono nei fatti - dice l'ex premier in un'intervista al quotidiano Qn - eppure mai come in questo momento il fattore tempo è fondamentale. Come è fondamentale uno shock fiscale per far ripartire l’economia, con la flat-tax e il congelamento di ogni tassazione per tutto il 2020". Berlusconi parla anche della prossima festa del 2 giugno e della manifestazione annunciata dal centrodestra: "Sentivo e sento la responsabilità di evitare rischi per non dare un cattivo esempio agli italiani che già hanno dovuto subire una rinuncia per il rinvio della tradizionale parata delle Forze Armate - precisa - perciò ho chiesto di strutturare la manifestazione in una serie di atti puramente simbolici, evitando ogni possibilità di assembramento: un semplice “gesto” per far sentire agli italiani in difficoltà che siamo loro vicini, che possono contare su di noi"

 

 

L'analisi economica - Il leaedr azzurro torna anche sulla questione degli aiuti Ue, fondamentali in questo momento di piena crisi: "Le nostre posizioni sull’Europa sono coerenti con la nostra cultura liberale, cristiana, garantista ed europeista - sottolinea - proprio per questo, da opposizione responsabile, nell’emergenza abbiamo tenuto quel comportamento. Ma il governo delle quattro sinistre è del tutto incompatibile con noi e inadeguato per il Paese", conclude, sbarrando definigtivamente la porta al governo Conte.  "Senza l’Europa sarebbe molto difficile uscire dalla recessione innescata dalla pandemia - chiarisce Berlusconi  che allarga l'analisi a uno scenario internazionale - ma soprattutto bisogna che l’Europa metta insieme le sue forze, economiche, politiche e militari, per rinsaldare la solidarietà dell’Occidente, il legame con gli Stati Uniti e ricuperare un rapporto di alleanza e non di competizione con la Russia".

 

Il caso Bonafede - Infine, il caso Bonafede, e il commento su quanto è avvenuto durante la votazione delle mozioni di sfiducia in Parlamento. "Renzi, accettando di lasciare in via Arenula un ministro come Bonafede - osserva l'ex premier - ha fatto prevalere la sua convenienza politica sulle sue “tendenze” liberali e garantiste. Peccato". E sempre sulla politica interna, Berlusconi si dice moto ottimista sulla tenuta del partito da lui fondato: "Ho visto un sondaggio riservato - rivela - che dà Forza Italia in crescita, avviata a ritornare alle percentuali del passato. Posso solo aggiungere che tutti i riscontri che mi vengono da tante parti d’Italia sono molto positivi.

 

L'impegno politico - L'ultima domanda riguarda la vita privata e la tentazione di lasciare quell'impegno politico che lo vede in campo dal 1994 ma la risposta del Cavaliere non si fa attendere: "Non ci penso e non ci ho mai pensato - dice senza esitazioni - a partire dai primi anni novanta ho sempre sentito forte dentro di me la responsabilità di fare ciò che era nelle mie possibilità per gli italiani e per il mio Paese. Nel ’94 questo senso di responsabilità mi ha fatto lasciare tutte le cariche che avevo nelle mie aziende per scendere in campo e salvare l’Italia dal comunismo. Anche oggi, con questo governo delle quattro sinistre, il pericolo – naturalmente in forme diverse - è tornato attuale e quindi io sento di dovermi impegnare ancora affinché l’Italia rimanga una democrazia occidentale".

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali