FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Prodi: "Non cʼè più unʼEuropa unita ma singoli Paesi che si giocano il potere"

Il Professore a "Quarta Repubblica" analizza lʼinvoluzione dellʼUe: "Prima era una struttura sovranazionale seria, poi si è trasformata e ogni Stato tutela i propri interessi individuali"

La sfiducia dei cittadini nell'Ue "è colpa di un'Europa che si è trasformata. Non è più l'Europa assieme, ma sono i Paesi europei che si giocano il potere. È un'altra cosa". Così Romano Prodi a Quarta Repubblica analizza l'involuzione del sistema Unione Europea nel quale aveva tanto creduto. "L'Europa - dice il Professore - era una struttura sovranazionale seria, con la Commissione che rappresentava tutta l'Europa. Poi si è passato a un'Europa sfrangiata fra gli interessi di diversi Paesi. Il potere è passato dalla Commissione al Consiglio, e il Consiglio rappresenta le nazioni. Allora, quando le nazioni sono una contro l'altra, chi vince? La più grossa, e allora abbiamo avuto anni di dominio della politica economica della Germania, che ho più volte criticato". Ma la ricetta per Prodi non cambia: "Abbiamo bisogno di più Europa, non di meno Europa".

Infine, sul dubbio che l’Europa, giudicando solamente manovra e conti, non faccia altro che favorire questo governo, conclude: "Ma lasci stare governo o non governo. Quando l’Europa stabilisce le norme solitarie, ad esempio le regole per il riciclo dei rifiuti, che sono cose utili, non scaldano l’animo. L’animo si scalda con la politica: bisogna fare, a livello europeo, una battaglia politica".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali