FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, Di Maio: "Se Malta non li fa sbarcare, non accoglieremo bimbi"

Lʼappello di Fico ai Paesi europei: "Aiutateci" | Germania pronta ad accogliere una quota di migranti". Salvini: "Vergognoso silenzio da Ue"

"Chiedo all'Unione europea di dare l'input a Malta di far sbarcare i migranti a bordo delle navi Ong". Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio ricordando che "l'Italia ha dato la disponibilità a ricevere bimbi e mamme, in tutto 10 persone delle 49 presenti sulle imbarcazioni". "Se Malta non li fa sbarcare - ha però affermato - non possiamo prenderli". "Perché l'Onu non interviene con Malta come ha fatto con l'Italia?", si è poi chiesto Di Maio.

"Tutta l'Europa deve fare in modo che quanto successo in questi giorni con la Sea Watch non si ripeta più". E' l'appello lanciato su Facebook dal presidente della Camera Roberto Fico,  che ha promosso la proposta del vicepremier Luigi Di Maio di accogliere solo bimbi e donne. Fico ha sottolineato che l'apertura da parte dell'Italia "è un segnale importante e ne sono contento. L'Italia però non deve essere lasciata sola". Una prima risposta agli appelli lanciati è arrivata dalla Germania che sarebbe disposta ad accogliere una parte dei 49 migranti della Sea Watch 3 e della Sea Eye, ma nel contesto di una distribuzione europea. Serve una "distribuzione bilanciata" per arrivare a una "veloce soluzione" della vicenda nel quadro della responsabilità e solidarietà europea, ha richiesto Berlino.

Secondo il presidente della Camera, "nessun Paese deve essere lasciato solo a gestire questioni complesse. Siamo - come europei - cittadini che fanno della solidarietà un principio cardine della convivenza e dell'essere comunità. Un tracciato che i governi devono seguire senza paura mettendo al centro l’umanità e quella che è la più alta missione che ha la politica: aiutare i più deboli".

"Se siamo solidali tutti assieme diventiamo più forti, e le responsabilità quando sono condivise non costituiscono più un peso per una comunità. Questo vale per qualsiasi tema da affrontare, incredibile quanto spesso ce ne dimentichiamo", ha concluso il presidente della Camera su Facebook.

Salvini: "Vergognoso il silenzio dell'Europa""Non cediamo ai ricatti. Due navi Ong sono in acque territoriali maltesi: le persone a bordo devono essere fatte sbarcare a La Valletta". Così il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, ribadisce ancora una volta la sua posizione e definisce "vergognoso l'atteggiamento dell'Europa che tace. Evidentemente le lezioncine di umanità vanno indirizzate solo all'Italia. Non cediamo ai ricatti e alle menzogne".

La Sea Watch: "Dpo 14 giorni Di Maio parla di umanità""Se il vicepremier italiano, dopo 14 giorni di rifiuto di un porto sicuro, si rende conto che almeno donne e bambini potrebbero avere diritti umani e chiama l'offerta di prendere solo loro una lezione di umanità per l'Ue, che cosa pensa in realtà dell'Ue?". E' la replica a Luigi Di Maio della Ong tedesca Sea Watch, che ha la sua nave Sea Watch 3 ferma vicino a Malta in attesa di un porto con a bordo 22 migranti soccorsi il 22 dicembre.

"Sea Watch non è un hotspot galleggiante - ha aggiunto la Ong su Twitter -. E' una nave di soccorso. È necessario procedere alla sbarco immediato di tutti i 32 ospiti soccorsi da due settimane. Lo sbarco non può essere subordinato al raggiungimento di un accordo sulla distribuzione delle persone tra stati membri".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali