FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, Di Maio: "Malta faccia sbarcare donne e bambini, li accoglieremo noi" | Salvini tira dritto: "Non cambio idea su Ong"

Lʼannuncio del vicepremier: "Ci mettiamo al telefono con ognuno dei capi di Stato europei e li costringiamo a rispettare le quote previste per ogni Paese" . Il leader M5s telefona a Conte

"Malta faccia sbarcare donne e bambini da quelle imbarcazioni e li mandi in Italia. Li accoglieremo. Siamo pronti ancora una volta a dare una lezione di umanità all'Europa intera". Lo ha scritto su Facebook il vicepremier Luigi Di Maio, in merito alla vicenda delle navi Sea Watch 3 e Sea Eye che trasportano migranti e che da giorni si trovano in acque maltesi. "L'Europa se ne frega, non possiamo continuare a cedere a questo ricatto", ha aggiunto.

Dopo che donne e bambini saranno sbarcate delle due navi Ong, ha continuato il ministro, "ci mettiamo al telefono con ognuno dei capi di Stato europei e li costringiamo a rispettare le quote previste per ogni Paese". "Ancora una volta - ha aggiunto - solo l'Italia viene chiamata in causa. Malta non fa attraccare le imbarcazioni nonostante siano nelle loro acque territoriali. Per me nessun bambino con la sua mamma può stare in mare ostaggio dell'egoismo degli Stati europei".

Il governo di Malta a Di Maio: "Attento alle parole" - "Piuttosto che fare tali dichiarazioni contro Malta e la solidarietà europea, l'Italia dovrebbe partecipare al ricollocamento dei migranti attualmente in corso". Così in una nota rilanciata su Twitter, il ministro degli Interni di Malta Michael Farrugia ha replicato al governo italiano. E in particolare al vicepremier Luigi Di Maio: "Il governo di Malta raccomanda al vicepremier italiano di valutare questi fatti prima di fare dichiarazioni pubbliche ed evitare di farne di simili in futuro".

Salvini: "Non cambio idea sulle Ong, meno partenze uguale meno sbarchi" - "Una nave tedesca e una nave olandese, in acque maltesi. Ma ad accogliere dovrebbe essere ancora una volta l'Italia. La nostra Italia che ha già accolto quasi un milione di persone negli ultimi anni, dove più di un milione di bambini vive in condizioni di povertà assoluta. Il traffico di esseri umani va fermato: chi scappa dalla guerra arriva in Italia in aereo, come già fanno in tanti, non con i barconi. Possiamo inviare a bordo medicine, cibo e vestiti, ma basta ricatti. Meno partenze, meno morti. Io non cambio idea". Lo ha scritto il vicepremier Matteo Salvini su Facebook.

Telefonata Di Maio-Conte - Fonti di Palazzo Chigi hanno quindi riferito di una telefonata tra Di Maio e il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per contattare Malta e far sbarcare mamme e bambini a bordo delle due navi, segnalando la disponibilità dell'Italia ad accoglierli.

Salvini: "Ho parlato con Di Maio, nessun caso" - A ridimensionare le polemiche è stato poi lo stesso Salvini. Fonti vicine al leader leghista lo definiscono "assolutamente sereno" nonostante i diversi annunci sulla possibilità di accogliere donne e bambini dalla Sea Watch e la Sea Eye. I rapporti con gli altri ministri 5stelle e con il premier Conte sono "ottimi", e "non esiste nessun caso". Salvini "ha parlato con Di Maio e non vi è nessuna irritazione". Il vicepremier "lavora semplicemente per risolvere problemi".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali