FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Manovra, emendamento Lega: stop alla ecotassa ma anche agli incentivi delle auto "green"

Il sottosegretario Garavaglia: "Se gli amici del M5S trovano altre coperture siamo ben contenti". La risposta: eco-aiuti devono restare. In serata vertice a Palazzo Chigi: "Nessun braccio di ferro, risolveremo con la mediazione"

Stop all'emendamento alla Manovra introdotto alla Camera che prevede l'introduzione di una eco-tassa per le auto inquinanti e di incentivi per le vetture elettriche. A chiederlo un emendamento della Lega in commissione Bilancio del Senato che appare tra i segnalati dal Carroccio, e quindi tra le propposte considerate prioritarie dal gruppo. A firmarlo il capogruppo Massimiliano Romeo e tutti i componenti del gruppo della Lega.

"Come governo diciamo no a qualsiasi nuova tassa, sulle auto come su altro. Se gli amici del M5S trovano altre coperture per gli incentivi siamo ben contenti", ha commentato il sottosegretario all'Economia Massimo Garavaglia a margine dei lavori della commissione Bilancio del Senato sulla Manovra, rispondendo a chi gli chiede dell'emendamento della Lega che cancella la ecotassa ma anche gli incentivi per le auto ecologiche.

M5s: il bonus deve restare - "Il bonus per le auto elettriche è una misura imprescindibile, deve rimanere e le risorse di copertura da qualche parte ci devono essere. Il malus non è una nuova tassa e comunque la nostra intenzione è non toccare le utilitarie. Stiamo cercando di rivedere il malus: arrivera' una riformulazione del governo". Così il sottosegretario ai Trasporti Michele Dell'Orco (M5S) ha ribattuto allo stop della Lega all'ecotassa.

Palazzo Chigi: "Nessun braccio di ferro" - Per la presidenza del Consiglio, però, tra Lega ed M5s non c'è "nessun braccio di ferro". E la questione "verrà affrontata, come sempre, con il dialogo e la mediazione". In serata, peraltro, è già in programma un vertice per discutere di "alcuni temi dirimenti": vi prenderanno parte il premier Giuseppe Conte, i vice Luigi Di Maio e Matteo Salvini, i ministri Riccardo Fraccaro e Giovanni Tria e i viceministri Massimo Garavaglia e Laura Castelli.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali