FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il reddito di cittadinanza a 1 milione e 308mila famiglie, quasi due terzi abitano al Sud

I beneficiari sono per lʼ85% italiani, e oltre un quarto degli aventi diritto sono casalinghe. Nella platea anche 120mila laureati

Il reddito di cittadinanza a 1 milione e 308mila famiglie, quasi due terzi abitano al Sud

Il reddito di cittadinanza "potrebbe interessare 1 milione e 308mila famiglie", delle quali oltre la metà, il 57%, vive al Sud. Secondo i dati forniti dall'Istat alla commissione Lavoro, infatti, delle persone potenzialmente interessate "752mila vivono nel Mezzogiorno, 333 mila al Nord e 222 mila al centro". Calcolando le relative incidenze si stima che le famiglie beneficiarie siano "il 9%" di quelle residenti nel Mezzogiorno, il 4,1% al Centro e il 2,7% al Nord.

Reddito di cittadinanza, come si ottiene la card

I single, invece, "costituiscono il 47,9% delle famiglie beneficiarie" del reddito di cittadinanza: a loro andranno in media 4.469 euro l'anno, mentre il sussidio medio in generale sarà di 5.045 euro, con punte più alte al Sud (a 5.176 euro). Le famiglie residenti al Nord avranno invece in media 4.837 euro, e 4.912 euro quelle abitanti al Centro.

Complessivamente l'85% dei beneficiari del reddito di cittadinanza è cittadino italiano, mentre gli stranieri rappresentano poco meno dell'11%. Fra i destinatari del reddito di cittadinanza i nuclei familiari composti da soli cittadini italiani sono un milione e 56mila, circa l'81% del totale delle famiglie beneficiarie, mentre quelli formati da soli stranieri, cittadini dell'Ue ed extracomunitari, sono 150mila (11,5%). Di queste ultime famiglie, quelle di soli cittadini extracomunitari sono 95mila (7,3%), mentre le famiglie miste di italiani e stranieri sono 102mila (7,8%).

Per quanto riguarda l'occupazione dei beneficiari, su 2,7 milioni di persone 679mila sono casalinghe mentre 428mila risultano occupati e 613mila disoccupati. Gli under 16 sono 515mila, mentre gli studenti sono 184mila e i ritirati dal lavoro 224mila. Gli inabili al lavoro sono infine 63mila. Se si guarda solo alle persone in età da lavoro (15-64 anni), le casalinghe che potrebbero ottenere il sussidio sono 465mila (il 26% del totale).

Tra i potenziali beneficiari del reddito di cittadinanza in età da lavoro ci sono però anche circa 120mila laureati, anche se la stragrande maggioranza (oltre il 62%, cioè 1 milione e 120mila persone) ha conseguito solo la licenza media o quella elementare (241mila persone, il 13,4%). Il 30,9%, 553mila persone, ha un diploma di scuola superiore.

Secondo l'Istat il costo totale del Reddito di cittadinanza nell'ipotesi che ne faccia domanda l'85% degli aventi diritto, è stimato in circa 6,6 miliardi di euro su base annua, e "determinerebbe una riduzione della disuguaglianza nella misura di 0,2 punti percentuali dell'indice di Gini, che passerebbe da 30,1 a 29,9%".

Tridico: "Numeri governo più affidabili dell'Inps" - "La platea dei beneficiari del reddito di cittadinanza così come scritto nella relazione tecnica bollinata dalla Ragioneria riguarda una stima di adesioni all'85% per circa 1,3 milioni di famiglie (e circa 4 milioni di persone). La stima dei nuclei potenziali è invece di circa 1,7 milioni per 4,9 milioni di cittadini. Le stime dell'Inps, al netto di quelli sulla pensione di cittadinanza, si basano su un database meno affidabile" di quello del "Ministero del lavoro, usato e testato anche in passato". Lo ha comunicato in una nota Pasquale Tridico, consulente del ministero.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali