FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Governo, nel 2019 Conte dichiara un reddito di oltre un milione di euro

Le dichiarazioni patrimoniali relative al 2018 sono pubblicate sul sito del Senato: Matteo Salvini ha invece dichiarato 70.173 euro, mentre Matteo Renzi 796.281 euro. Di Maio non ha presentato la documentazione

Giuseppe Conte ha dichiarato, nel 2019, un reddito di 1.155.229 di euro relativo al periodo d'imposta 2018. Per il presidente del Consiglio è un netto aumento rispetto all'anno precedente, quando l'imponibile era di 370.014 euro. Matteo Salvini ha invece dichiarato 70.173 euro mentre Matteo Renzi 796.281 euro. La dichiarazione patrimoniale è pubblicata sul sito del Senato. 

Dall'analisi delle singole schede dei parlamentari presenti sul sito del Senato, si evince che il ministro Luigi Di Maio non ha presentato la documentazione: la sua situazione reddituale, infatti, è ferma ai dati relativi al 2017. Stesso discorso anche Lorenzo Fioramonti (M5s).

 

Conte attesta che non sono intervenute "variazioni" in "rapporto all'ultima dichiarazione presentata": questo significa che resta proprietario di un fabbricato a Roma, probabilmente la sua abitazione privata, e di una Jaguar d'epoca, modello XJ6, immatricolata nel '96. L'incremento dell'imponibile, spiegano fonti di Palazzo Chigi all'Adnkronos, è dovuto al fatto che quando Conte ha assunto l'incarico di presidente del Consiglio ha dovuto chiudere tutti gli incarichi pendenti emettendo le relative fatture, e, quindi, ha fatturato in un solo anno importi che altrimenti sarebbero stati diluiti nel tempo.

 

Per quanto riguarda il leader di Italia Viva, è stata attestata  la cessione di "due unità immobiliari" nel comune di Pontassieve il 27 maggio, di cui aveva il "possesso al 50%"; la liquidazione della Digistart srl con sede a Firenze, che vedeva l'ex premier socio con una quota da 10mila euro.

 

Per il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, l'imponibile dichiarato è pari a 104.134,02 euro, ai quali va sottratta l'imposta dell'Ue (è europarlamentare) di 22.895,58 euro. L'esponente del Pd è inoltre proprietario di un fabbricato a Roma.

 

E' invece di 160.876 euro il reddito imponibile del ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese. La responsabile del Viminale è anche comproprietaria di cinque fabbricati a Roma (una è la casa in cui vive, le altre sono pertinenze), uno a Potenza e uno a Milano. Detiene inoltre 1.035 azioni della Aedes Siiq Spa, ora Restart. Nella dichiarazioni si leggono anche 9.200 derivati delle stesse società.

 

Il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, ha dichiarato nel 2019 un reddito imponibile di 115.290 euro. L'ex ministro della P.A. Giulia Bongiorno ha dichiarato nel 2019 un reddito imponibile di 2.403.772 milioni di euro. Si tratta dei redditi percepiti nel 2018 e presentati il 19 dicembre 2019. Rispetto all'anno precedente, il reddito dichiarato è in calo, visto che per il 2017 la senatrice della Lega aveva presentato un imponibile di circa 2,8 milioni di euro.

 

Il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha dichiarato invece un imponibile di 48.022.126 milioni di euro. Una cifra che, rispetto all'anno precedente, risulta sostanzialmente invariata.

 

Ecco la lista del governo Conte e tutte le dichiarazioni dei redditi disponibili

Presidente del Consiglio dei ministri
CONTE Giuseppe (link) 1.207.391 €

 

Ministro senza portafoglio per i rapporti con il Parlamento
D'INCA' Federico, Deputato al Parlamento (link) 95.863 €

 

Ministro senza portafoglio per l'innovazione tecnologica e la digitalizzazione
PISANO Paola (non disponibile)

 

Ministro senza portafoglio per la pubblica amministrazione
DADONE Fabiana, Deputato al Parlamento (link) 98.471,04 €

 

Ministro senza portafoglio per gli affari regionali e le autonomie
BOCCIA Francesco, Deputato al Parlamento (link) 120.412 €

 

Ministro senza portafoglio per il Sud e la coesione territoriale
PROVENZANO Giuseppe Luciano Calogero (link) 83.416 €

 

Ministro senza portafoglio per le politiche giovanili e lo sport
SPADAFORA Vincenzo, Deputato al Parlamento (link) 84.911 €

 

Ministro senza portafoglio per le pari opportunità e la famiglia
BONETTI Elena (non disponibile)

 

Ministro senza portafoglio per gli affari europei
AMENDOLA Vincenzo (link) 46.779 €

 

Affari esteri e coop. inter.le
DI MAIO Luigi, Deputato al Parlamento (ha presentato solo fino al 2018 - link)

 

Interno
LAMORGESE Luciana (link) 162.713 €

 

Giustizia
BONAFEDE Alfonso, Deputato al Parlamento (link) 162.820 €

 

Difesa
GUERINI Lorenzo, Deputato al Parlamento (link) 137.063 €

 

Economia e finanze
GUALTIERI Roberto (link) 104.134,02 €

 

Sviluppo economico
PATUANELLI Stefano, Senatore della Repubblica (link) 73.383 €

 

Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo
BELLANOVA Teresa, Senatore della Repubblica (link) 95.681 €

 

Ambiente e tutela del territorio e del mare
COSTA Sergio (link) 106.179 €

 

Infrastrutture e trasporti
DE MICHELI Paola, Deputato al Parlamento (link) 93.619 €

 

Lavoro e politiche sociali
CATALFO Nunzia, Senatore della Repubblica (link) 120.365 €

 

Istruzione, università e ricerca
CONTE Giuseppe, ad interim
(dal 30 dicembre 2019)
FIORAMONTI Lorenzo, Deputato al Parlamento (ha presentato solo fino al 2018 - link)
(fino al 30 dicembre 2019)

 

Beni e attività culturali 
FRANCESCHINI Dario, Deputato al Parlamento (link) 251.947 €

 

Salute
SPERANZA Roberto, Deputato al Parlamento (link) 98.202 €

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali