FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Elio a Grillo: "Le sue parole sullʼautismo non mi fanno ridere ma arrabbiare"

Lettera del cantante, padre di un bambino autistico, dopo lʼuscita al comizio al Circo Massimo. Con un appello: "Ci aiuti a offrire a questi bambini le terapie che servono"

Elio a Grillo: "Le sue parole sull'autismo non mi fanno ridere ma arrabbiare"

"Egregio sig. Grillo, sono genitore di un bimbo autistico, il che significa molto sinteticamente: DISPERAZIONEFATICASOFFERENZAFRUSTRAZIONEFATICA RICERCAAFFANNOSADIUNASOLUZIONEFATICADOLOREINCUBOFATICAINFERNO FATICALITIGIFATICAH24TUTTIIGIORNI". La lettera, scritta al fondatore M5s dopo il comizio al Circo Massimo, è firmata da Elio, "quello della terra dei cachi", che ha preso carta e penna dopo aver "ascoltato le Sue parole sui politici/autistici e a parte che non mi hanno fatto ridere, ma far ridere al giorno d'oggi è difficile, Le confesso che mi hanno fatto proprio incazzare".

Centomila famiglie in Lombardia - Nel suo testo, pubblicato sul "Fatto", Elio ricorda a Grillo che "solo in Lombardia si stima che le famiglie interessate siano centomila". Poi ammette che "quando ci si accalora per questioni importanti magari si dicono cose un po' forti. Basta chiedere scusa e se l'interlocutore è intelligente tutto va a posto. Le scuse però non le ho viste".

E anzi c'è stato chi, come Massimo Fini, ha detto che allora si dovrebbero incazzare anche ciechi e sordi. Il problema, ribatte Elio, è che "quelli dell'autismo non sanno proprio dove andare". Già, perché si tratta di una mattia per cui le cure offerte sono solo a pagamento nonostante l'incidenza stia "aumentando a ritmi vertiginosi, ormai siamo a 1 su 50".

L'appello - Elio conclude citando l'intervento social dello stesso Grillo, che assicura di conoscere bene il dramma "di situazioni familiari quasi impossibili da sostenere" promettendo che "continuerò a utilizzare metafore e continuerò a esservi vicino". La lettera quindi riprende: "Vuole esserci vicino? Ci aiuti a fare applicare la legge. Le leggi italiane in tema di autismo esistono e sono buone, ma non vengono applicate. Chi più di Lei può ottenere questo risultato che per un Paese civile sarebbe normale, ma che in Italia sembra impossibile!". E chiude con la petizione di Uniti per l'Autismo su change.org: un documento per chiedere che i malati di autismo possano accedere alle terapie necessarie. "Si può fare. Cordialmente".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali