FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Beppe Grillo, battute sullʼautismo: "Io strumentalizzato, per i comici non esiste il politically correct"

Il co-fondatore del M5s replica alle polemiche sorte dopo le sue dichiarazioni al Circo Massimo: "Continuerò a usare metafore. Chi soffre ha bisogno di risposte"

Beppe Grillo, battute sull'autismo: "Io strumentalizzato, per i comici non esiste il politically correct"

"Non è la prima volta che le mie parole vengono rese strumenti, amplificatori speciali per sorde orecchie benpensanti. Sorde, con tutto il rispetto per chi ha problemi di udito". Lo scrive in un post Beppe Grillo replicando alle accuse sulla sua citazione dell'autismo durante un discorso al Circo Massimo. "Non esiste il politically correct nel mio mestiere se vuoi essere un comico", aggiunge.

"Vi sono vicino, anche ai prossimi, magari i portatori sani ipocondria... Continuerò a utilizzare metafore e continuerò ad esservi vicino - prosegue il garante e co-fondatore del M5S -. Chi soffre, chi vede le sue prospettive sempre più ridotte, ha bisogno di risposte e certo non di strumentalizzazioni. Non vi lasciate strumentalizzare da chi ha perso il sostegno in cabina elettorale senza mai avere riflettuto su quanto di buono avrebbe potuto per il suo Paese".

Grillo sostiene quindi di essere "abituato a risvegliare e gonfiare d'aria anime vuote, che possano finalmente dare scena al loro impegno vizzo, trovando qualche ora di notorietà. Al loro scalpore mediatico. Ebbene io ve la toglierò quest'aria, vi negherò questo ossigeno già rubato a chi soffre davvero".

"Quando mai un comico cita delle patologie, o qualsiasi altra cosa molto seria, se non con l'intento di usarne la chiave metaforica?", si domanda il padre fondatore del Movimento. "Non lasciamo insultare le nostre intelligenze: in realtà queste sono parole che non vanno proprio pronunciate, come la parola povero, se non per scattarcisi vicino un selfie. Questa è la realtà: chiunque sappia di essere svantaggiato, quando sente scandire mielate parole frou frou al suo indirizzo deve sapere di essere stato appena abbandonato. L'abbandono e la strumentalizzazione coincidono, senza dubbio", conclude il comico genovese.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali