FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Crosetto in Procura a Roma: il ministro sentito dai pm sui rapporti tra giudici e governo

Il ministro della Difesa sentito per un'ora e mezza come persona informata sui fatti dopo l'intervista in cui ha parlato di "opposizione giudiziaria unico pericolo per il governo" e di "riunioni di una corrente della magistratura". Il titolare di via XX Settembre: "Incontro cordiale e istituzionale"

A dieci giorni dalle sua parole sulla "opposizione giudiziaria" che rappresenta "l'unico grande pericolo" per Giorgia Meloni e il governo di centrodestra, arriva un confronto in Procura a Roma tra il ministro della Difesa Guido Crosetto e il procuratore capo Francesco Lo Voi.

Il titolare di via XX Settembre è rimasto negli uffici di Piazzale Clodio per un'ora e mezza ed è stato sentito come persona informata sui fatti a proposito di quanto ha dichiarato il 26 novembre sui rapporti tra magistratura e governo nell'intervista al Corriere della Sera.

 

 

Crosetto sarebbe stato sentito nell'ambito in un'indagine aperta come modello 45, ossia senza indagati o ipotesi di reato. Al quotidiano il ministro aveva detto: "A me raccontano di una corrente della magistratura in cui si parla di come fare a fermare la deriva antidemocratica a cui ci porta la Meloni. Siccome ne abbiamo viste fare di tutti i colori in passato, se conosco bene questo Paese mi aspetto che si apra presto questa stagione, prima delle Europee...". Aggiungendo, inoltre, che l'attuale governo di centrodestra può essere messo a rischio soltanto dalla "opposizione giudiziaria".

 

In seguito il ministro su X aveva scritto che sarebbe stato "molto felice, di poter condividere con la commissione Antimafia o con il Copasir (per motivi di segretezza) le mie preoccupazioni e le cose che mi sono state riferite, per valutarle". Sia l'Antimafia sia il Comitato sulla sicurezza della Repubblica, però, hanno ritenuto di non precedere all'audizione in quanto relativa a materie non di loro competenza.

 

Il ministro ha quindi risposto in aula alla Camera il 1 di dicembre ad una interpellanza del capogruppo di +Europa Benedetto Della Vedova. In quella occasione ha ribadito il riferimento a riunioni e dichiarazioni di esponenti di Magistratura Democratica e di Area, che si ponevano a suo dire in contrasto con il governo Meloni. Aggiungendo che contro di lui era stato schierato "un plotone di esecuzione" e che c'era stato "un tentativo di mistificazione" delle sue parole.

 

Potrebbe quindi essere stato lo stesso ministro a chiedere al procuratore di Roma un colloquio, per riferirgli delle sue preoccupazioni riguardo alle dichiarazioni a cui era venuto a conoscenza da parte di alcuni magistrati, rimettendo alla sua valutazione se esistano o meno fattispecie di reato.

 

La presa di posizione di Crosetto aveva scatenato la dura reazione dell'Anm che aveva definito le accuse del ministro "una fake news" che "non ha alcun fondamento" e che "fa male alle istituzioni". Un "attacco" ai magistrati ma anche "una rappresentazione malevola dell'impianto istituzionale del Paese", sottolineava il presidente dell'Anm Giuseppe Santalucia. Ritenendo "fuorviante" la rappresentazione di una magistratura "che rema contro" e che si fa "opposizione politico-partitica". "Chiediamo al ministro Crosetto che vengano fugati sospetti e ombre, non deve lasciare che le sue parole cadano nel vago. Se c'è da chiarire lo faccia, nei modi che preferisce", aveva aggiunto il giorno dopo Santalucia.

 

Incandescente la polemica con le opposizioni che hanno censurano le affermazioni di Crosetto, invitando il ministro a riferire in Parlamento. "Se il ministro sa qualcosa che mette in pericolo la sicurezza nazionale, lo dica. Diversamente, la smetta questo governo di lanciare velate minacce", aveva avvertito Debora Serracchiani, responsabile Giustizia del Pd. Se il ministro ha informazioni così rilevanti, lo incalzava il presidente del M5s Giuseppe Conte, "deve andare immediatamente in Procura". Cosa avvenuta, a dieci giorni di distanza da quell'intervista.

 

Crosetto: "Incontro cordiale e istituzionale"

  "Ieri ho avuto un incontro con il Procuratore Capo di Roma. Un incontro cordiale ed istituzionale nel quale abbiamo parlato del tema da me sollevato nell'intervista al Corriere della Sera". Così in una nota il Ministro della Difesa Guido Crosetto. "Oggi quasi tutti i quotidiani danno dell'incontro una rappresentazione corretta. Il Giornale invece inventa di sana pianta un titolo gravemente diffamatorio, totalmente falso costruito evidentemente con il solo intento di infangare. Un atto gravissimo per il quale ho dato immediatamente mandato di denunciare in ogni sede possibile. La cosa più grave è che non si può trattare di un errore perché a tutti è stato chiaro che si trattava di un colloquio per chiarire i concetti da me espressi anche nelle sedi istituzionali. Il titolo e l'articolo del Giornale rivelano invece la chiara volontà di mistificare la realtà e trasmettere un messaggio, lo ripeto, tanto diffamatorio quanto falso, inaccettabile. Non posso ora esimermi dal capirne la ratio e soprattutto i mandanti", conclude Crosetto.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali