FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Crosetto: "Opposizione giudiziaria unico pericolo per il governo" | Anm: "Parole fuorvianti" | Il ministro: "Nessun attacco alla magistratura ma ricerca della verità"

Botta e risposta tra il fondatore di Fratelli d'Italia e il presidente dell'associazione, Giuseppe Santalucia

Per il ministro della Difesa, Guido Crosetto, "questo governo può essere messo a rischio solo da una fazione antagonista che ha sempre affossato i governi di centrodestra: l'opposizione giudiziaria".

"A me - ha spiegato Crosetto in un'intervista al Corriere della Sera - raccontano di riunioni di una corrente della magistratura in cui si parla di come fare a 'fermare la deriva antidemocratica a cui ci porta la Meloni'. Siccome ne abbiamo visto fare di tutti i colori in passato, se conosco bene questo Paese, mi aspetto che si apra presto questa stagione, prima delle Europee".

Crosetto: "Opposizione giudiziaria unico pericolo per il governo" | Anm: "Parole fuorvianti" | Il ministro: "Nessun attacco alla magistratura ma ricerca della verità" - foto 1
Tgcom24

Anm: "Fuorviante l'idea che la magistratura faccia opposizione"

 Le parole di Crosetto non sono affatto piaciute al presidente dell'Anm Giuseppe Santalucia, che ha affermato: "È fuorviante la rappresentazione di una magistratura che rema contro e che possa fare opposizione politico-partitica. La magistratura non è forza di contrapposizione politica, tutela i diritti, quali che siano le maggioranze, fa il suo mestiere nell'interesse della comunità tutta e non risponde a logiche governative", ha detto Santalucia.

 

"Da Crosetto fake news che fa male alle istituzioni"

 Il presidente dell'Anm ha definito "una fake news", che "non ha alcun fondamento" e "fa male alle istituzioni" quanto detto dal ministro. "La gente che legge i giornali - ha continuato - apprende da una voce autorevolissima, un ministro, che esiste un gruppo di magistrati che fa ciò che fanno, più o meno legittimamente, i partiti politici nello scontro di potere per la conquista del governo del Paese. È una cosa che fa male alle istituzioni, fa male a tutti noi. Una cosa che coinvolge in prima battuta i magistrati, ma, e qui sta la miopia - ha aggiunto - non si comprende che questo è un attacco, una rappresentazione malevola dell'impianto
istituzionale del Paese, e quindi è l'intero Paese a esserne in qualche modo coinvolto".

 

Crosetto: "Nessun attacco alla magistratura"

 Più tardi, Crosetto ha risposto alle critiche ricevute, chiarendo la sua posizione. "Mi stupisco dello stupore suscitato dalla mia intervista al Corriere della Sera - ha dichiarato -. Leggo commenti indignati di alcuni magistrati, come il presidente dell'Anm Santalucia, che dice che loro 'non fanno opposizione politica', o dell'opposizione che sostiene che 'minaccio' i giudici. Curioso e surreale. Intanto, perché tutto ho fatto tranne che minacciare o delegittimare qualcuno. Ma poi, davvero, dopo i casi Tortora, Mannino, Mori e la storia di centinaia di persone dal 94 a oggi, si può nascondere come si è comportata, nella storia italiana, una parte (non certo tutta, ripeto) della magistratura? Penso proprio di no". "Intendo solo difendere le istituzioni cercando la verità", ha concluso il ministro. 

 

Renzi a Crosetto: "Perché Meloni blocca la riforma della giustizia?"

 "Crosetto evoca un'attenzione
speciale di parte della magistratura nei confronti della politica. Se il ministro della Difesa dice certe cose, sicuramente non parla a caso e il suo ragionamento va preso sul serio". Lo ha scritto su X il leader di Italia viva, Matteo Renzi, aggiungendo che Crosetto "ha un problema grande come una casa nella sua coalizione. La riforma della giustizia è sparita dal radar per volontà di Giorgia Meloni. Il vittimismo del governo si scontra con la realtà: loro fanno interviste ma non fanno riforme. La vera domanda è: caro Guido, perché la Meloni ha bloccato la riforma? Di cosa avete paura?".

 

Pd: "Crosetto riferisca in commissione Antimafia"

 "I parlamentari Pd della commissione Antimafia chiedono di fissare al più presto l'audizione del ministro della Difesa, Crosetto" perché "è necessario che riferisca prima possibile al Parlamento sulle allusioni e i riferimenti oscuri contenuti nell'intervista al Corriere della Sera". Lo ha detto Walter Verini, capogruppo del Pd nella commissione Antimafia, precisando che la richiesta sarà formalizzata nell'ufficio di presidenza della commissione previsto martedì. "Il Pd giudica grave e inquietante quella intervista e pericolosi i messaggi che contiene contro la magistratura e la sua indipendenza", ha aggiunto.

 

Conte: "L'accusa di Crosetto ai magistrati è gravissima"

 "Dopo la brigata Wagner, i benzinai e la Corte dei Conti, ora i nuovi nemici dell'azione del governo Meloni sono diventati i magistrati. A dircelo sul Corriere della Sera è Guido Crosetto, che pure passa per uno dei più moderati tra i ministri". Lo ha scritto su Facebook il presidente del M5s Giuseppe Conte. "L'accusa mossa ai magistrati è gravissima - ha continuato l'ex premier - e un ministro della Repubblica 'responsabile' non può non rendersene conto: sostenere che correnti della magistratura si riuniscono per deliberare 'opposizione' a un governo giudicato 'antidemocratico' significa, - né più né meno - accusare una parte della magistratura di finalità 'eversive'. Se il ministro Crosetto ha informazioni così gravi e rilevanti e se davvero è animato - come ha dichiarato con nota successiva - dall'amore per la 'verità', deve andare immediatamente in Procura, perché è questo il luogo in cui si accertano fatti del genere ed è questo il modo corretto di servire le istituzioni, non già diffondendo queste notizie 'en souplesse', tra le pieghe di un'intervista a un giornale". 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali