FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Crisi di governo, dalla conferenza dei capigruppo ai tempi della manovra

Dopo la conferenza dei capigruppo del Senato, si capirà meglio la tempistica: 19-20 agosto le date più probabili per la convocazione dellʼAula

Salvini vuole andare al voto subito, al massimo entro fine ottobre. Ma la tempistica non dipende dal leader della Lega. Lunedì pomeriggio, dopo la conferenza dei capigruppo del Senato, si capiranno meglio i tempi: 19-20 agosto rimangono le date più probabili per la convocazione dell'Aula. Ma stilare il calendario non sarà facile perché regolamenti e prassi non sempre coincidono e non sempre c'è l'unanimità dei gruppi.

Il presidente del Senato Elisabetta Casellati, da parte sua, ha sottolineato che "la convocazione dell'Assemblea, nell'ipotesi in cui il calendario dei lavori non venga approvato in capigruppo all'unanimità, non costituisce forzatura alcuna, ma esclusivamente l'applicazione del regolamento. L'art. 55, comma 3, prevede infatti che sulle proposte di modifica del calendario decida esclusivamente l'Assemblea, che è sovrana. Non il Presidente, dunque".

Su cosa l'Aula del Senato sarà chiamata a dibattere ed esprimersi non è possibile stabilirlo ora con certezza e non esiste neanche una priorità di "anzianità" alle mozioni: quindi la mozione del Pd contro Matteo Salvini è pari a quella della Lega contro Conte, anche se presentata prima.

Guerra di mozioni - La Lega chiederà di discutere già il 13 la mozione di sfiducia a Giuseppe Conte. Il Pd sosterrà che si debba iniziare dalla mozione di sfiducia a Matteo Salvini, depositata prima di quella leghista e già in agenda a metà settembre. Il Movimento 5 Stelle, e, con ogni probabilità il rappresentante del governo (il ministro 5S Riccardo Fraccaro), dovrebbero invece chiedere che si parta dalle comunicazioni che Conte ha chiesto di fare alle Camere. A questo rebus si aggiunge una ulteriore variabile: la richiesta che sarà avanzata martedì alla capigruppo alla Camera votare con urgenza il taglio dei parlamentari.

Tra i due opposti (voto subito oppure un governo "trasversale" per mettere in sicurezza i conti) si moltiplicano le ipotesi per la gestione della crisi di Ferragosto, scoppiata a Parlamento già in vacanza e a poche settimane da quando il governo, qualunque esso sia, dovrà presentare prima l'aggiornamento del quadro macro con la Nota al Def (il 27 settembre), e poi il progetto di Bilancio Bruxelles e alle Camera, il 15 e il 20 ottobre.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali